30 giugno 2012

Le prime del 06 luglio: Eega

Eega si preannuncia la pellicola più stravagante della storia del cinema in lingua telugu. Diretto da S.S. Rajamouli e interpretato dal talentuoso Sudeep, Eega ha creato un fermento e un'aspettativa senza precedenti: riuscirà a battere i record d'incassi ed entrare nel favoloso 100 crore club? Il trailer è pazzesco e ha stregato l'India, tanto da indurre i produttori a distribuire il film doppiato in diverse lingue, hindi compresa. Ma tenetevi pronti: il regista ha annunciato anche la predisposizione di sottotitoli in inglese per le copie che verranno proiettate all'estero (ovviamente non in Italia). Vi proponiamo il video del brano My name is Nani, composto da M.M. Keeravani, nonchè un esilarante tributo creato da un fan. Sito ufficiale.

Le prime del 06 luglio: Bol Bachchan

Bol Bachchan è il nuovo attesissimo blockbuster annunciato di Rohit Shetty, regista da record. Nel cast Ajay Devgan, Abhishek Bachchan e Asin. Amitabh Bachchan regala un cameo nella title track. Vi segnaliamo anche i video dei brani Chalao Na Naino Se e Nach Le. Il trailer è spumeggiante.

20 years - The might of Shah Rukh Khan

Festival di Roma - 2010
Qualche giorno fa la superstar Shah Rukh Khan ha celebrato i suoi primi 20 anni di carriera cinematografica. Fra i tanti tributi, segnaliamo quello pubblicato da Bollywood Hungama: prima, seconda e terza parte. Leggiamo: 'There has been immense goodwill, reputation and credibility that Shah Rukh Khan has built over last so many years, something that not many actors of current generation can proudly proclaim'.

Silver Linings Playbook: trailer

Vi segnaliamo il trailer del film Silver Linings Playbook di David O. Russell, tratto dal romanzo L'orlo argenteo delle nuvole di Matthew Quick, pubblicato in Italia da Salani. Anupam Kher interpreta il ruolo dello psichiatra. Per saperne di più: clicca qui.

Churning the Earth - Aseem Shrivastava e Ashish Kothari

Recensione del saggio Churning the Earth - The making of global India di Aseem Shrivastava e Ashish Kothari, pubblicato da Penguin Books India. Hindustan Times. 'Growth for its own sake is the logic of cancer. When a democratic State decides to feed this process, people who vote and yet have no voice, are lost. It is not so much the abdication of the State from its expected role of facilitating social and ecological well-being that matters. It is the developmental and moral legitimisation of this abdication that hurts'.

Lunatic in my head - Anjum Hasan

Recensione del romanzo Lunatic in my head di Anjum Hasan pubblicato da Zubaan Books. The Times of India

Maximum: recensioni

The Times of India, ***: '(Sonu Sood) With ample confidence and flair, he displays a gamut of moods and emotions that his chequered character demands. Naseeruddin (Shah) (...) doesn't belt out his usual knock-out performance. For an actor of his stature and skill, his role is partially sketched. (...) Director Kabeer Kaushik, has a good force of actors here and a gripping premise (...), but he doesn't quite lead the way. There are scenes where he triggers good performances, but with the inclusion of too many facts, figures and case files, it loses entertainment value'. Hindustan Times, **: 'Kaushik has also written the film but he seems more interested in style than substance. There is little character delineation or growth. It’s all about being gritty and cool. (...) Too early in the film, fatigue sets in and the strangely inert plot doesn’t help to alleviate it'. Bollywood Hungama, **: 'Maximum suffers for a valid reason: a skeletal plot that lacks meat in its screenplay. Kabeer (Kaushik) may've borrowed from real-life, but he isn't able to bind the incidents and episodes convincingly so as to deliver an enthralling fictional fare'. The Film Street Journal, **: 'There’s plenty of movement but little happening and before one event settles down to make sense, the screenplay has moved on to something else, leaving the audience disconnected at all times'. Rediff, *: 'So we meet dirty cops. And more dirty cops. And their allies. And we hear of their plans. And it's all so deathly boring'.

Top hit films: 1950s

Questa mattina Bollywood Hungama ha pubblicato il primo di una serie di sette articoli dedicati ai titoli campioni d'incasso della cinematografia hindi per decennio. Si parte dagli anni cinquanta. L'India ha da poco conquistato l'indipendenza e subito le atrocità della partizione. Sono anni di pellicole ad argomento sociale. Raj Kapoor è il nome più sfavillante. Le sceneggiature con protagoniste femminili non spaventano il pubblico ma anzi incendiano il botteghino. E Mother India, un classicone da paura, arriva alla cinquina dei migliori film stranieri agli Oscar (ma verrà sconfitto da Le notti di Cabiria di Fellini).