13 giugno 2012

Salman Rushdie all'Hay Festival 2012

Come annunciatovi la scorsa settimana (clicca qui), Salman Rushdie e Deepa Mehta hanno partecipato alla 25ma edizione dell'Hay Festival of Literature and the Arts 2012. Fra l'altro proprio ieri è stata organizzata a New York una proiezione del film tratto da I figli della mezzanotte, proiezione a cui ha presenziato anche Hari Kunzru. Ma torniamo al festival. The Telegraph riporta in questo articolo alcune interessanti dichiarazioni rilasciate da Rushdie sul tema delle migrazioni: 'We live in the age of migration. There are more people now living in countries in which they were not born than in the rest of human history combined. Look at any big city in the world and you see a pluralised, hybridised, diverse culture. The end of the monoculture is the phenomenon of our generation. (...) A thing that happens to migrants is that they lose many of the traditional things which root identity, which root the self. The roots of self are the place that you know, the community that you come from, the language that you speak and the cultural assumptions within which you grow up. Those are the four great roots of the self and very, very often what happens to migrants is that they lose all four - they’re in a different place, speaking an alien language, amongst people who don’t know them and the cultural assumptions are very different. (...) The question both indigenous and communities of migrants have to ask themselves is the question of adaptation - what do you absorb from the world in which you live, what do you retain from the world from which you came and how do you make that transaction?'.

Lo stato di salute del calcio in India

In queste settimane si stanno svolgendo le trattative di acquisto del 50% della squadra di calcio Dempo di Goa da parte della superstar Shah Rukh Khan (che, vi ricordiamo, è comproprietario della squadra di cricket Kolkata Knight Riders, vincitrice dell'ultimo torneo IPL). Vi segnaliamo un lungo articolo pubblicato da The Times of India il 10 giugno 2012 nel quale l'autore analizza la sconfortante attuale situazione del calcio in un Paese innamorato del cricket.

Endhiran conquista il Giappone

Aishwarya Rai era ieri a Londra per partecipare ad un evento organizzato da Bulgari, in occasione del quale la diva ha incontrato Isabella Rossellini. Dall'altro capo del mondo, la febbre per Endhiran, il colossal di fantascienza in lingua tamil interpretato dalla supersuperstar Rajinikanth e da Ash, ha contagiato anche il Giappone. Il film è stato distribuito in 1.300 sale un mese fa, in edizione integrale, ed è tuttora in programmazione. La critica lo ha favorevolmente accolto, ed il pubblico... beh, guardate questa photo gallery. Video giapponese con trailer. International Business Times. Per saperne di più su Endhiran: clicca qui.

Ajay Devgan e Kangna Ranaut: Stardust giugno 2012

La copertina del numero di giugno 2012 di Stardust è dedicata ad Ajay Devgan e a Kangna Ranaut.

In search of Hindi new wave

Vi segnaliamo un articolo pubblicato il primo giugno 2012 da DearCinema dedicato al cinema hindi indipendente. L'autore prende spunto dalle tre pellicole presentate al Festival di Cannes - Miss Lovely, Peddlers e Gangs of Wasseypur - per delinearne le caratteristiche comuni che le differenziano dalle megaproduzioni bollywoodiane: 'Unlike usual Bollywood sagas, these films do not ride on stars. Except Kashyap, the two directors are debutants and they avoid breaking the flow of narrative to make room for song-dance sequences. This new generation of filmmakers relies on handheld camera and except Miss Lovely which is a period drama, they use real locations instead of sets and studios. Our cinema, which has very rightfully been a picture of our repressed sexuality, seems to be going through adolescence. Sexuality forms a cornerstone of these films. At times, the vehemence with which sexual references are drawn seems teenage expression of sexual awakening. (...) Film movements all over the world have been marked by their distinctive political positions. Films of earlier New Wave in Hindi cinema shared the Nehruvian vision of socialism, democracy and secularism. This generation is largely apolitical in that sense. (...) Amidst their dissimilarities, what unites these films is their international acceptability. The fact that these films are highly individualistic and driven by distinctive directorial visions is also worth noting. These films also mark the new generation’s dissatisfaction with Bollywood and its industrialized mode of film production. This generation is well-versed with contemporary international cinema and keen on reaching out to audiences in India and all over the world'.

Cocktail: Daaru Desi Cocktail

Già da qualche giorno circola in rete il video del brano Daaru Desi Cocktail incluso nella colonna sonora di Cocktail, composta da Pritam. La descrizione del filmato comprende il testo hindi della canzone.

Gangs of Wasseypur: nuova locandina

Qualche minuto fa Anurag Kashyap ha presentato nel suo profilo Twitter la nuova locandina di Gangs of Wasseypur.

The most powerful Indians in Hollywood

Business Insider ci offre un rapido comodo ripasso: una carrellata di attori, registi e produttori, indiani o di origine indiana, che lavorano stabilmente o saltuariamente a Hollywood.

Kashish Mumbai International Queer Film Festival 2012

Con colpevole ritardo vi segnaliamo che la terza edizione del Kashish Mumbai International Queer Film Festival 2012 si è svolta dal 23 al 27 maggio 2012. Il 2 giugno The New York Times ha pubblicato un lungo articolo che racconta l'evento. Sito ufficiale del festival. Per saperne di più sul tema dell'omosessualità nel cinema hindi: clicca qui.

Salman Khan: spot Suzuki Hayate

E' così che ci piace Salman Khan: baffetto e occhialino alla Dabangg. Irresistibile! Gustiamocelo nel divertente spot della Suzuki Hayate, diretto da Rohan Sippy.

The usefulness of celebrities

Gli indiani coltivano con orgoglio non solo uno smisurato amore per il loro cinema ma anche un'ossessione pressochè unica al mondo nei confronti delle star. Il bello e il brutto di Bollywood. The Times of India il 3 giugno 2012 ha pubblicato un articolo che tenta di analizzare il femoneno: 'It is common to speak of the arrogance of stars, and of their tendency to assume that they are the centre of our universe, but this is almost entirely the result of our intense involvement with them. It is we who give a film star such importance. (...) The celebrity is nothing but a glittering magnified version of all our perceived inadequacies and all our unrequited fantasies. (...) The obsession with celebrities is in some ways an obsession with impossible greatness. We construct these idols in order to play with them. (...) They are thought experiments, societal whatifs brought to life for our amusement; they cost nothing to maintain and can be abandoned at will. They help us simulate intense feelings that we can walk away from without a trace of any emotional residue'.

Teri Meri Kahaani: That's all I really wanna do

E' stato appena caricato in rete il video del brano That's all I really wanna do incluso nella colonna sonora di Teri Meri Kahaani, composta da Sajid-Wajid. La descrizione del filmato comprende il testo hindi della canzone.

Rajan Khosa presenta Gattu

Il regista Rajan Khosa ha concesso un'intervista video a Bollywood Hungama nella quale presenta il suo acclamato Gattu. Anche i giovanissimi attori dicono la loro... Prima e seconda parte.

No singing and dancing required

Vi segnaliamo l'articolo No singing and dancing required dedicato alla rinascita del cinema indiano alternativo, pubblicato da The economist il 29 maggio 2012.

Supermen of Malegaon: locandina e trailer

Sembra che a fine giugno verrà finalmente distribuito nelle sale indiane l'esilarante documentario Supermen of Malegaon di Faiza Ahmed Khan. Vi presentiamo il trailer sottotitolato in inglese. Per saperne di più (e ne vale la pena): clicca qui. E non chiedeteci perchè amiamo l'India.

Sonam Kapoor: Plan your wedding

Sonam Kapoor si offre sulla copertina della rivista Plan your wedding.

The Copyright (amendment) Bill 2012

L'annosa questione dei diritti d'autore da riconoscere ai compositori indiani sembra sia giunta ad una conclusione positiva, grazie anche all'accorato discorso pronunciato qualche settimana fa alla Rajya Sabha (*) dal poeta, sceneggiatore e paroliere Javed Akhtar. Sino ad oggi, i compositori sono stati costretti a vendere ad un prezzo fisso le loro creazioni ai produttori dei film, senza dunque godere dei diritti d'autore. Qualche rara eccezione: Aamir Khan, in veste di produttore, ha preferito adottare una politica diversa. Ora le cose cambieranno. Leggiamo nell'articolo pubblicato da Box Office India: 'The Copyright (Amendment) Bill, 2012 has been passed by the Indian Parliament in May 2012. Once signed by the President and notified, it will bring some unprecedented changes in the [Copyright] law that governs the core transactions in the Media & Entertainment Industry. (...) It has been argued for decades that authors and performers should benefit from the commercial success of the works of their creation. Indian industry practice has been to compensate them in advance on a lump-sum basis. (...) The Bill carves out an exception for authors and composers whose works are incorporated in a film that despite being in a contract of service they will be the first owner of copyright. This protects the authors and composers in two ways: firstly, it gives authors  and composers bargaining power to trade in the works of their creation, and secondly, it protects them from tricky contracts where they did not intend to create such relationship. Now in-house employed authors and composers will be first copyright owners of their works and can demand royalty for their works. This amendment will have very interesting effect on other sectors. For instance, in the advertising world ad films (...) the creative persons who compose slogans, jingles and tunes for the advertisement film will be the first owner of copyright in their works despite them being employee of the agency of production team and as a consequence will be entitled to royalty every time the advertisement film is exhibited'.
(*) Consideriamo la Rajya Sabha di genere femminile, sperando non sia un errore 

Jalpari: locandina e trailer

Dopo l'acclamato I am Kalam, il regista Nila Madhab Panda torna a raccontare una storia con protagonisti dei ragazzini: Jalpari. Harsh Mayar è uno dei giovanissimi attori, già premiato col National Award per I am Kalam, appunto. La distribuzione di Jalpari è prevista per fine luglio. Trailer diffuso da Bollywood Hungama.