31 agosto 2013

Box office: 23/29 agosto 2013

1 - Madras Cafe (distribuito il 23.08); 2 - Chennai Express (09.08); 3 - Once Upon Ay Time in Mumbai Dobaara! (15.08). Bollywood Hungama

100 ragioni per amare il cinema indiano: i flop

[Centenary of Indian Cinema] Il venerdì. Croce e delizia dei produttori, dei registi e degli attori indiani. Il venerdì è il grande giorno delle prime. Le pellicole vengono finalmente distribuite nelle sale e affrontano il giudizio inappellabile del pubblico. Per quanto le formule e gli stereotipi del cinema popolare indiano siano ben chiari, e dunque dovrebbe essere semplice confezionare un prodotto accettato dalle masse, in realtà conquistare il consenso degli spettatori è un'impresa ardua. Il favore popolare reagisce a stimoli ignoti, talvolta premiando un film che non risponde ai soliti canoni, talvolta bocciandone un altro realizzato secondo tradizione e super pubblicizzato.
#IndianCinema100

30 agosto 2013

Rangbaaz: le riprese in Italia

Koel Mallick - Como
[Blog] La troupe del film in lingua bengali Rangbaaz mercoledì ha lasciato il nostro Paese. Vi proponiamo una sorta di mini-diario delle riprese, corredato da video, fotografie e articoli.
Ringraziamo Koel Mallick e Dev per l'estrema gentilezza mostrata in occasione del nostro incontro domenica a Milano. Ringraziamo Dev per le numerose cortesie accordateci nel suo profilo Twitter. Ringraziamo il regista Raja Chanda per il suo messaggio. Ringraziamo il solito Ivano Fucci di Occhi di Ulisse per... tutto! GRAZIE ai numerosissimi fan di Koel e di Dev.

29 agosto 2013

Raanjhanaa : Recensione


[Blog] Recensione di Raanjhanaa (2013), film drammatico che segna il debutto nel cinema hindi di Dhanush, eccezionale attore tamil. Nel cast anche Sonam Kapoor e Abhay Deol. Regia di Aanand L.Rai.

27 agosto 2013

Phata Poster Nikla Hero: locandina, trailer e video

Phata Poster Nikla Hero segna il ritorno alla macchina da presa di Rajkumar Santoshi. La pellicola è una action comedy interpretata da Shahid Kapoor, affiancato da Ileana D'Cruz. Sembra che Salman Khan regalerà un cameo, anche se, per lustrarci gli occhi, Shahid basta e avanza... La colonna sonora è composta da Pritam. Vi presentiamo i video dei brani Hey Mr. DJ, Tu Mere Agal Bagal Hai (Shahid è a dir poco incontenibile!) e Main Rang Sharbaton Ka. La distribuzione è prevista per il 20 settembre 2013. Trailer.

Satyagraha: Janta Rocks

Vi proponiamo il video del brano Janta Rocks incluso nella colonna sonora del film Satyagraha. Un inno niente male. Non ci capitava da un po'.

The lunchbox: nuova locandina

Vi presentiamo la nuova locandina di The lunchbox.

Boss: locandina e trailer

Oggi sono stati caricati in rete la locandina e il trailer ufficiali di Boss. Akshay Kumar è scatenato, in formissima e tutto da guardare. Ronit Roy una piacevole sorpresa. E comunque: the Boss is always right! Per saperne di più sul film: clicca qui.

Go Goa gone: Recensione

[Blog] Recensione di Go Goa gone, spassoso zombie-movie diretto dagli ormai mitici Raj & DK, con Saif Ali Khan, Kunal Khemu, Vir Das e Anand Tiwari.

26 agosto 2013

Il cinema indiano e l'Italia: mappa delle locations

[Blog] In occasione delle riprese del film in lingua bengali Rangbaaz, riprese che si stanno effettuando in questi giorni in Lombardia, la nostra Caterina ha aggiornato il suo magnifico testo, pubblicato giusto un anno fa, dedicato alle location italiane selezionate dai registi indiani per le loro pellicole.

Le prime del 30 agosto: Satyagraha

Satyagraha, prodotto da UTV Motion Pictures, è il nuovo thriller a sfondo politico diretto da Prakash Jha, remake in lingua hindi della pellicola di successo tamil Ko (2011), che nel 2013 ha ispirato un altro remake, questa volta in lingua bengali, dal titolo Kanamachi, distribuito in marzo. Il cast è di quelli da urlo: Amitabh Bachchan, Ajay Devgan, Manoj Bajpai, Kareena Kapoor e Arjun Rampal. La colonna sonora è composta da Salim-Sulaiman. Un assaggio nei brani Raghupati Raghav e nel dolcissimo Ras Ke Bhare Tore Nain. Trailer.

Le prime del 30 agosto: Satyanweshi

Tre registi di grosso calibro, il genere detective story e Calcutta. Mira Nair sta progettando di, Dibakar Banerjee ci sta già lavorando, Rituparno Ghosh ha terminato o quasi. Il 30 agosto arriva nelle sale Satyanweshi, il titolo postumo di Ghosh, deceduto il 30 maggio scorso a riprese pressochè ultimate (il film, in lingua bengali, è stato poi rifinito dal suo team). Il ruolo principale, quello del celebre detective Bymomkesh Bakshi, è stato affidato a Sujoy Ghosh, sì, proprio il regista dell'acclamato Kahaani. La sceneggiatura è basata sul romanzo poliziesco Chorabali di Sharadindu Bandyopadhyay. Trailer.

Vogue India luglio 2013

E' disponibile in questi giorni nelle edicole italiane il numero di luglio 2013 di Vogue India con Anushka Sharma in copertina. Sito del distributore nazionale Intercontinental.

24 agosto 2013

Rangbaaz: le riprese a Como

Vi presentiamo il filmato, diffuso da La Provincia di Como, delle riprese di Rangbaaz effettuate oggi in piazza Duomo a Como. QuiComo ha diffuso il video di un'intervista concessa da Koel Mallick.

Tasher Desh: locandine, recensioni e interviste

Proiettato in prima mondiale al Festival Internazionale del Film di Roma 2012 (clicca qui), lo stravagante Tasher Desh, film in lingua bengali diretto da Q (Kaushik Mukherjee) e prodotto da Anurag Kashyap, il 23 agosto 2013 è stato finalmente distribuito in alcune aree in India in sale selezionate. Vi ricordiamo che la pellicola è tratta dall'opera teatrale musicale omonima di Tagore, vagamente ispirata ad Alice nel Paese delle Meraviglie. Vi riproponiamo il trailer ed alcune recensioni in italiano. Ora vi segnaliamo la recensione di Rediff. Nell'intervista concessa da Q a Box Office India, pubblicata il 17 agosto 2013, a proposito dell'esperienza romana si legge:
'The film travelled to the Rome Film Festival. How was it received there?
I was very happy with the response there. It was screened in a section called Cinema 21 and that was brilliant since I was in competition with people who I have looked up to all my life. My life was made that day. More importantly, I was happy knowing that critics were watching those films, which were not really cinema but playing with form. They were not looking for narrative, so I was overwhelmed. 90 per cent of them liked my film and equated it with an art installation project with lines and music. The narrative was always a problem so I was criticised there. But everybody who loved it also hated the fact the narrative was not joined'.
Vi segnaliamo anche due diverse locandine di Tasher Desh che ci riguardano da vicino: prego notare lo strillo relativo alle recensioni originariamente in italiano pubblicate da CineClandestino (recensione che vi avevamo proposto) e da OndaCinema (recensione che non riusciamo a recuperare).



Box office: 16/22 agosto 2013

1 - Once Upon Ay Time In Mumbai Dobaara! (distribuito il 15.08); 2 - Chennai Express (09.08). Bollywood Hungama

Madras Cafe: recensioni e interviste

Il duo regista-produttore costituito da Shoojit Sircar e John Abraham, dopo il successo di Vicky Donor, con Madras Cafe si conferma un sodalizio di tutto rispetto. Sircar e Abraham insieme non sbagliano un colpo: il nuovo film sta riscuotendo consensi entusiastici da parte della critica. Twitter registra numerosi commenti positivi da parte di attori e registi del calibro di Irrfan Khan e di Madhur Bhandarkar. Anche nelle sale, grazie al passaparola, le presenze sono in aumento, malgrado il tornado Chennai Express (a proposito, lo storico sorpasso è avvenuto: 3 idiots scende in seconda posizione nella classifica degli incassi) e Once Upon Ay Time In Mumbai Dobaara! siano ancora in distribuzione.
The Times of India, ****: 'Straight up, MC couldn't be more different to director Shoojit Sircar's Vicky Donor. Political, tense, finally explosive, MC is no picnic in the neighborhood park. (...) MC dives boldly into terrain Bollywood hasn't touched before. Its arsenal features research, respect and bravely, no songs. But it's not arty or preachy anywhere. Its first half is layered. (...) MC's true star is its story which builds up to an agonizing end. It brings to life the Lankan war which many viewers were too young to have known. It highlights India's ambiguous role, moving sensitively, taking no sides. (...) Its second half grows more fraught and taut, conspiracies and compulsions becoming clearer. John (Abraham) stays low-key and competent. (...) The cinematography is remarkable, shots of huge naval warships, helicopters floating across hills, sunshine on a deadly sea, haunting. Commendably, Sircar never overindulges in gore, keeping MC a shifting site of mental violence. MC deserves an extra half-star for guts, going for the gunpowder - but with a restrained hand'.
Hindustan Times, ***: 'Watching MC is both frustrating and satisfying. The thriller, set against the backdrop of the Sri Lankan civil war, is, in equal parts, muddled and moving. There are sequences of power and eloquence. And passages in the first half that had me so confused that I couldn’t figure out who was chasing whom. (...) And yet, MC works as an effective portrait of the futility of war. Shoojit (Sircar) and his writers, Shubhendu Bhattacharya and Somnath Dey, ably illustrate why there are no winners here. Ideologies are marred by corruption and brutality. Death is inevitable and victories, pyrrhic. A special mention here of John Abraham, who stretches himself as both actor and producer. He does a commendable job. (...) MC is flawed but ambitious and brave. I recommend you make time for it'.
Vi segnaliamo inoltre l'intervista concessa da Shoojit Sircar a Open, pubblicata nel numero del 31 agosto 2013.

Aishwarya Rai: pubblicità Lodha The Park

Ancora non è chiaro a chi verrà affidata la visualizzazione dell'item song inclusa nella colonna sonora di Ram Leela, il nuovo lavoro diretto da Sanjay Leela Bhansali. Voci insistenti ripetono il nome di Aishwarya Rai, ma forse è solo una speranza da parte dei numerosissimi fan della diva, ormai a digiuno (cinematografico) da più di due anni. Comunque è bastato l'accenno perché in Twitter si scatenasse l'entusiasmo, e l'hashtag #WeWantAishwaryaBack per giorni in India è stato fra i primi trending topics. Di certo c'è solo una nuova pubblicità: Ash è testimonial di Lodha The Park. Oggi sono state caricate in rete le immagini della campagna. Fra l'altro, guardate un po' la sorpresa in edicola per i lettori di The Times of India... (Come sempre, grazie ad @AishwaryaRaiWeb).



John Day: nuova locandina

(Ci siamo capite, no?)

23 agosto 2013

La troupe di Rangbaaz è in Italia

Koel Mallick e Dev
La troupe di Rangbaaz era oggi a Roma. Vi ricordiamo che domani inizieranno le riprese a Como. Le location selezionate: piazza Verdi, piazza Duomo e il lungolago. Per il pernottamento, è stato prenotato un hotel di Cinisello Balsamo, in provincia di Milano. Vi segnaliamo anche l'articolo I ciak indiani sul Lario, speranze per l'economia, pubblicato oggi dal Corriere di Como.
 
 

The lunchbox: locandina

Vi offriamo la nuova locandina di The lunchbox. Quindi è ufficiale: il titolo originale Dabba è stato rimpiazzato da quello internazionale.

Deepika Padukone: Filmfare 11 settembre 2013

La copertina del numero dell'11 settembre 2013 di Filmfare è dedicata a Deepika Padukone. Ne approfittiamo per annunciarvi che Chennai Express ha superato i 200 crore al botteghino, e sta pericolosamente tallonando 3 idiots nella speciale classifica dei maggiori incassi.

24: trailer e locandina

Ci siamo! Finalmente sono stati caricati in rete la locandina e il trailer di 24, versione hindi della mitica serie americana. Anil Kapoor produce e interpreta il ruolo del protagonista, Jai Singh Rathod (Jack Bauer nell'originale, interpretato da Kiefer Sutherland). Ad affiancarlo in questa elettrizzante avventura: Anupam Kher, Shabana Azmi, Tisca Chopra, Rahul Khanna e Mandira Bedi. La regia è affidata ad Abhinay Deo (Delhi Belly). La sceneggiatura è firmata da Rensil D'Silva, regista di Kurbaan. La serie dovrebbe andare in onda sul canale televisivo Colors a partire dal prossimo ottobre 2013. Vi segnaliamo anche l'intervista concessa da Anil Kapoor a Rediff in occasione della presentazione ufficiale del trailer. Vi ricordiamo che Anil Kapoor in passato aveva interpretato un ruolo chiave nell'ottava e ultima stagione della serie originale (clicca qui).

Besharam: title track e nuova locandina

Ranbir Kapoor è sempre più incontenibile. Ammiratelo nel video del brano Besharam, incluso nella colonna sonora del film omonimo, composta da Lalit Pandit. La... ehm... coreografia è ideata da Remo D'Souza. Buon divertimento! (Ne approfittiamo per proporvi anche una nuova locandina).

 

John Day: Charon Taraf

Vi segnaliamo il video del brano Charon Taraf incluso nella colonna sonora del film John Day. Naseeruddin Shah e Randeep Hooda sono la coppia dell'anno, e non ce n'è per nessun altro...

Onir: spot per Anita Dongre

Da sinistra: Onir e Anita Dongre
Vi presentiamo lo spot diretto da Onir per la presentazione della collezione autunno-inverno 2013-2014, dedicata agli abiti da sposa, disegnata dalla stilista Anita Dongre (sito ufficiale).

21 agosto 2013

Rangbaaz: nei prossimi giorni le riprese in Lombardia

Dal 24 al 27 agosto 2013 la troupe di Rangbaaz sarà in Lombardia per girare alcune sequenze. Nel dettaglio: sabato 24 il set sarà allestito nel centro storico di Como, domenica 25 a Milano (piazza Città di Lombardia), lunedì 26 a Bellagio, martedì 27 di nuovo a Milano (forse in stazione centrale). La logistica è come sempre curata da Occhi di Ulisse. Rangbaaz è un film in lingua bengali diretto da Raja Chanda e interpretato da Dev e Koel Mallick. La colonna sonora è composta da Jeet Gannguli. Vi presentiamo il trailer. La distribuzione è prevista per l'11 ottobre 2013. Vi ricordiamo che Dev e Koel hanno già girato in Italia PagluPaglu 2.

20 agosto 2013

Rockstar: Recensione

[Blog] Recensione di Rockstar, splendido e premiato film del 2011, diretto da Imitiaz Ali, con Ranbir Kapoor e Nargis Fakhri.

19 agosto 2013

18 agosto 2013

Le prime del 23 agosto: Madras Cafe

Madras Cafe è il nuovo lavoro di Shoojit Sircar, prodotto e interpretato da John Abraham. Con Vicky Donor Sircar aveva affrontato il tema controverso delle donazioni di sperma, realizzando una commedia apprezzata da pubblico e critica. Con Madras Cafe propone invece un thriller a sfondo politico pare ambientato nello Sri Lanka nella prima metà degli anni novanta. L'argomento è spinoso: terrorismo, omicidio del primo ministro indiano Rajiv Gandhi (marito di Sonia), guerra civile. Sembra che l'opinione pubblica indiana di lingua tamil non abbia digerito il trailer del film. La colonna sonora è composta da Shantanu Moitra. Un assaggio nei brani Maula Sun Le Re, Jaise Milein Ajnabi e Chal Ve Buliye.

Shah Rukh Khan e Deepika Padukone: Brunch 18 agosto 2013

Chennai Express al botteghino corre come un treno, e la coppia Shah Rukh Khan-Deepika Padukone in questi giorni è ovunque. Vi segnaliamo la copertina del numero in edicola oggi di Brunch, la lunga intervista concessa dai due attori alla testata, e un video.
 
 

17 agosto 2013

100 ragioni per amare il cinema indiano: Aishwarya Rai e il Made in Italy

[Centenary of Indian Cinema] Nell'anno del centenario del cinema indiano, il testo n. 100 pubblicato nell'area dedicata all'evento ci riguarda da vicino.
La moda italiana ha contribuito a sottolineare lo splendore e il fascino di Aishwarya Rai, donandole quel tocco di regalità sofisticata che ha incantato fotografi e fan in ogni angolo del pianeta. E allora celebriamo questo matrimonio perfettamente riuscito stilando una classifica dei capi italiani indossati da Ash.
#IndianCinema100

16 agosto 2013

Once Upon Ay Time In Mumbai Dobaara!: recensioni

Periodo d'oro per il botteghino indiano. Chennai Express sta incassando a più non posso, ma sembra che anche Once Upon Ay Time In Mumbai Dobaara! si stia comportando benissimo. Eccovi le recensioni.
The Times of India, *** 1/2: 'Once Upon a Time... Bollywood movies were enamored by dreaded D's of the underworld. They still are. Whether the story is told in retro-rap, or with stylish designer double Dons, or with gloss-free rawness of realism. This endless 'lawless' love affair continues. (...) Milan Luthria captures the essence of the period, packed with characters living behind 'dark shades' with an even darker conscience. (...) The first part is more engaging. (...) The heavy-duty dialogues (Rajat Aroraa) punch drama in the story, though at times too overbearing. The background score (Pritam & Anupam Amod) pitches in dramatically. This film has its moments, but it's not as compelling as the prequel. Akshay (Kumar) does the bhai act with flamboyance. (...) He gets a chance to do what he does best (...) with charisma and clap-trap dialoguebaazi. Imran looks too suave for the part, but eventually rolls up his sleeves to play a don with dil, performing well in emotional scenes. Sonakshi pulls off a dabangg act to stand strong between two daunting dons'.
Hindustan Times, ***: 'More than anything else in Milan Luthria’s sequel, Akshay (Kumar) towers. He chews up the scenery with his dangerous frown, flaring nostrils, dark glasses, flicked cigarettes and thunderous dialogue. (...) But the beauty is that underneath the swagger, Akshay also locates the loneliness and heartache of a monster hobbled by love. Honestly, I can’t remember the last time I enjoyed watching him this much. The rest of the film works in fits and starts. Like Milan’s earlier pictures — Once Upon a Time in Mumbaai and The Dirty Picture — OUATIMD is full-throttle masala. Situated some time in the 1980s, the film revels in blaring background music, old-school machismo, glaring loopholes in logic (starting with that strangely spelled Ay in the title) and, of course, reams of whistle-inducing dialogues by Rajat Aroraa, who also wrote those two earlier films. No one here just talks. Every dialogue is a declaration, saying or metaphor. (...) Some of the lines were so twisted that I couldn’t even decipher the meaning behind the imagery. The pacing is bumpy — too many songs unnecessarily stretch the film to 160 minutes. The screenplay is clunky and for much of the first half, Imran Khan (...) is plainly out of his depth. Imran has a naturally sweet, vulnerable presence but the role requires drama and flamboyance. He makes for an awkward, hesitant gangster but becomes more convincing as the love story takes hold. What’s interesting is that this is a Mumbai mafia story but what drives it is the love triangle. (...) Yes, the film is over-wrought, melodramatic and designed as pulp fiction. But it’s intermittently fun. (...) OUATIMD had me cheering for the bad guy. Which, at least in the movies, is never a bad thing. The film gets one extra star for Akshay Kumar, who makes a stellar killer'.

When not in Rome, don't do as the Romans do - Stefano Pelle

Il saggio When not in Rome, don't do as the Romans do di Stefano Pelle, edito da Sage Publications, è stato presentato in India. Stefano Pelle opera nei mercati emergenti dal 1998, è dirigente di Perfetti per l'Asia meridionale, il medio oriente e l'Africa, ed è coniugato con una donna indiana. Hindustan Times oggi riporta un'intervista concessa dall'autore a Reuters. Vi offriamo qualche stralcio:
'What similarities do you see between India and Italy?
There are so many. The traffic, the chaos, the way of being smart and trying to jump lines. Then the mother of course. The family in general but the relationship with the mother more than the family. In Italy now youngsters stay in their parents' home longer because there is no first employment ... and this forces the attachment with the mother and the cult of the mother that is there in Italy. And of course same thing in India ... It's weird, the relationship with the parents is stronger than the relationship with the wife.
It's amazing how the food can be different in the different parts of Italy and so is the case in India ... Punjabi food in the north, the Hyderabadi biryani or then maybe the Malabari food of coastal Kerala. They are completely different. And it's the same thing in Italy. If you have a Sicilian pasta it's nothing to do with risotto Milanese or osso buco.
Then the fact that they are both peninsulas and then the political situation. The Congress Party in India has dominated the political scene for years and years. In Italy this was the case with the Democrazia Cristiana (Christian Democrats) which in the after-war period ... governed Italy for maybe 40 years.
What about the differences?
Tea against coffee!
What did you most and least like about doing business in India?
People are what I liked most about doing business. I loved first of all their brain ... Secondly they can be humble but they can be extremely aggressive depending on the situation.
What I notice is that normally they still have a little bit of respect for the colonial and the white skin ... whereas at times with their colleagues there can be really no mercy. If they have to climb up they can do anything to show they are the best and better. And the competitiveness - it's not a healthy kind of competition, at times it can even be nasty. But they are really smart people and really hard workers. I've never seen people working like 60 hours a week and no Saturday, no Sunday (off) - whenever is needed. It's really this dedication to work which I found extremely positive'.

15 agosto 2013

Madras Cafe: locandina, trailer e video

Meglio tardi che mai: finalmente vi proponiamo la locandina e i trailer (uno e due) di Madras Cafe, nuovo lavoro di Shoojit Sircar, prodotto e interpretato da John Abraham. Con Vicky Donor Sircar aveva affrontato il tema controverso delle donazioni di sperma, realizzando una commedia apprezzata da pubblico e critica. Con Madras Cafe propone invece un thriller a sfondo politico pare ambientato nello Sri Lanka nella prima metà degli anni novanta. L'argomento è spinoso: terrorismo, omicidio del primo ministro indiano Rajiv Gandhi (marito di Sonia), guerra civile. Sembra che l'opinione pubblica indiana di lingua tamil non abbia digerito il trailer del film. La colonna sonora è composta da Shantanu Moitra. Un assaggio nei brani Maula Sun Le Re, Jaise Milein Ajnabi e Chal Ve Buliye. La distribuzione è prevista per il 23 agosto 2013.

Boss: promo

Non è esattamente un trailer, bensì un promo che annuncia la presentazione del trailer, appunto, prevista per il 27 agosto 2013. Comunque sia, ve lo segnaliamo perché è divertentissimo. (Cosa vi devo dire? I film indiani d'azione tutti da ridere mi fanno innamorare alla prima occhiata).

Dabba: locandina e trailer

Non sappiamo se sarà la locandina selezionata per la distribuzione di Dabba nelle sale indiane a partire dal 20 settembre 2013, ma ve la proponiamo comunque. Né sappiamo se la pellicola manterrà il titolo originale o se verrà proposta come The lunchbox. In attesa di lumi, vi offriamo anche il trailer. (E che nessuno osi ricordarmi che Dabba è stato proiettato anche a Milano o commetto un gesto insano).

Besharam: Bella ciao... ehm, no, Love Ki Ghanti

Sorpresa di ferragosto. Bella? Brutta? A voi giudicare. Vi proponiamo il video del brano Love Ki Ghanti, incluso nella colonna sonora del film Besharam composta da Lalit Pandit. Certo che una versione bollywoodiana di Bella ciao proprio non ce l'aspettavamo...

Konkona Sen Sharma: Maxim India agosto 2013

La copertina del numero di agosto 2013 dell'edizione indiana di Maxim è dedicata ad un'inedita Konkona Sen Sharma.

13 agosto 2013

100 years of Indian cinema weekend and awards

[Centenary of Indian Cinema] L'evento 100 years of Indian cinema weekend and awards si terrà a Chicago nel novembre 2013 (la data del 31 agosto pare infatti slittata). La manifestazione si svolgerà nell'arco di tre giornate ricche di appuntamenti, e si concluderà con uno spettacolo che vedrà la partecipazione di star bollywoodiane del calibro di Salman Khan, Katrina Kaif, Prabhu Deva, Ranveer Singh e Sonakshi Sinha. Il tutto condito da un red carpet, da esibizioni dal vivo e da una premiazione.

Akshay Kumar: Filmfare 28 agosto 2013

La copertina del numero del 28 agosto 2013 di Filmfare è dedicata ad Akshay Kumar.

11 agosto 2013

Brunch Collector's Edition Bollywood Special Summer 2013

[Centenary of Indian Cinema] Qualche settimana fa vi avevamo segnalato la distribuzione del numero speciale da collezione di Brunch dedicato a Bollywood, con Amitabh Bachchan in copertina. Per la gioia di chi, come noi, non ha potuto acquistare il volume in edicola, la testata ha generosamente deciso di caricarlo in rete.
#IndianCinema100

Bollywood's 100 crore club: aggiornamento

Ce la farà Chennai Express ad infrangere un altro record, quello di entrare in soli tre giorni nel sempre meno elitario 100 crore club? In attesa di verificarlo, aggiorniamo il testo dedicato all'argomento che avevamo pubblicato l'anno scorso (clicca qui) grazie alle classifiche stilate da Bollywood Hungama, classifiche che allargano la definizione di 100 crore club, includendo non solo le star di sesso maschile i cui film hanno incassato, nella sola India, 100 crore (1 crore = 10 milioni) al botteghino al netto delle imposte (quindi net collections e non gross collections), ma anche le attrici, i registi e le pellicole. Scopriamo così che Rohit Shetty è il regista col maggior numero di titoli in classifica (Golmaal 3, Bol Bachchan e Singham), che anzi è l'unico a vantare più di una pellicola in classifica, e che presto si distaccherà di un'altra lunghezza grazie proprio a Chennai Express. L'attore col maggior numero di film è la macchina da guerra Salman Khan (Ek Tha Tiger, Dabangg 2, Bodyguard, Dabangg e Ready; tutti nei primi 9), tallonato da Ajay Devgan (e presto, sempre grazie a Chennai Express, anche da Shah Rukh Khan). L'anno col maggior numero di titoli in classifica è il 2012: ben 9 pellicole su 21 totali. E' stato Ghajini ad aprire le danze nel 2008. Questo lo sapevamo già: 3 idiots guida la classifica grazie al suo stratosferico incasso, 202 crore, ed è l'unico film ad aver superato la soglia dei 200. Ek Tha Tiger, saldamente in seconda posizione, vanta un incasso di quasi 199 crore, conseguito nel periodo in assoluto più breve: 5 giorni. Al terzo posto l'ultimo film di una futura superstar: Yeh Jawaani Hai Deewani, con Ranbir Kapoor. Ed è sempre Ranbir ad interpretare uno dei due titoli meno di genere presenti in classifica, ossia Barfi! (13ma posizione). L'altro è Bhaag Milkha Bhaag, in 18ma posizione (ma la pellicola è ancora nelle sale). Quanto alle attrici, lasciamo ai lettori la scoperta. Ci limitiamo a commentare che, con l'esclusione di Priyanka Chopra in Barfi!, tutti gli altri nominativi sono in classifica grazie a film prepotentemente trainati dai protagonisti maschili, con ruoli femminili piuttosto deboli o comunque poco stimolanti.

Le prime del 15 agosto: Once Upon Ay Time In Mumbai Dobaara!

In occasione delle celebrazioni del 66mo anniversario dell'indipendenza indiana, viene distribuito nelle sale uno dei film più attesi dell'anno, Once Upon Ay Time In Mumbai Dobaara!, sequel dello stilosissimo Once upon a time in Mumbaai del 2010. Milan Luthria è confermato alla regia, Ekta Kapoor alla produzione, Pritam alla composizione della colonna sonora. Cast nuovo di zecca: Akshay Kumar - in versione superchic - in un ruolo davvero negativo (ed era ora!), Imran Khan (idem) e Sonakshi Sinha. Vi riproponiamo il trailer e i video dei brani Ye Tune Kya Kiya, Chugliyaan, Tu Hi Khwahish, Tayyab Ali e Bismillah, inclusi nella colonna sonora.