22 giugno 2012

Death in Mumbai - Meenal Baghel

Recensione del saggio Death in Mumbai di Meenal Baghel, edito da Random House India. Hindustan Times. Distribuito a fine novembre 2011, il volume analizza un famigerato fatto di cronaca: l'omicidio di Neeraj Grover avvenuto nel 2008. Neeraj era un dirigente della casa di produzione televisiva di Ekta Kapoor. Aveva intrecciato una relazione con l'aspirante attrice Maria Susairaj. Il fidanzato di Maria, Emile Jerome Mathew, uccise per gelosia Grover, ed è tuttora in carcere. Ram Gopal Varma ha tratto dalla vicenda il film Not a love story del 2011. Meenal Baghel è una giornalista di Mumbai Mirror.

Abhay Deol: It's unfair to compare me with my family

Vi segnaliamo l'intervista concessa da Abhay Deol a The Times of India, pubblicata... domani.

Box office: 15/21 giugno 2012

1 - Ferrari Ki Sawaari (distribuito il 15.06); 2 - Rowdy Rathore (01.06); 3 - Shanghai (08.06). Bollywood Hungama

Hand-painted posters make a comeback in Bollywood

Hindustan Times il 17 giugno 2012 ha pubblicato un piacevole articolo dedicato alle locandine cinematografiche la cui realizzazione grafica si ispira ai mitici (spesso giganteschi) poster dipinti a mano. 'Indian posters were known for larger-than-life, pertinent, bold portrayals of actors. With a boldly lined cleavage of the heroine to the bulging biceps of the hero - our posters used vibrant colours, heavy strokes, highlights and flashy expressions. (...) Posters have today become a thing of art and are recommended by art curators as vintage and collectibles. Posters have provided the platform for artists like M.F. Hussain  to rise to eminence. The art of posters, as art curators interpret it, is lost to the photographic, HD digital quality stills, which are  easy to design and distribute, but seem lackluster. Creating posters to publicise modern entertainment is a lucrative way to conserve the long lost art. Posters have been the art of the common man. Posters have been the most appropriate style to depict the exaggeration and extravaganza that Indian films are. Posters have had a journey of their own in the Indian cinema with a history sprawled over 80 years. Posters strive to be immortal. Good posters achieve immortality. (...) Movies fill in where life disappoints. Everything related to a movie, be it the actors, the songs, the dancing, the destinations - it all has elements of dream and delirium. It is the bridge between our lives as they exist and lives that might be. A poster, is the best blueprint of what cinema stands for - exaggeration, melodrama and fantasy'.

I'm 24: trailer

Bollywood Hungama presenta il trailer di I'm 24, il nuovo film diretto da Saurabh Shukla e interpretato da Rajat Kapoor, Ranvir Shorey e Neha Dhupia. La distribuzione è prevista per il 20 luglio 2012.

An insider's view of the Film Censor Board

Vi segnaliamo il divertente articolo di Mayank Shekhar pubblicato il 19 giugno 2012 sulle colonne di The New York Times. Il noto critico cinematografico racconta la sua personale esperienza in qualità di consulente del famigerato Central Board of Film Certification dal 2007 al 2009. L'ente preposto alla censura vaglia ogni anno 13.500 (!) pellicole, compresi trailer, corti, documentari e spot pubblicitari per il circuito cinematografico. Circa 1.200-1.300 sono lungometraggi. L'ente ha sede a Mumbai, ma opera anche in altri otto centri distaccati: New Delhi, Chennai, Kolkata, Bangalore, Hyderabad, Thiruvananthapuram, Guwahati and Cuttack.

Sonu Sood e Neha Dhupia presentano Maximum

Maximum
Rediff il 19 giugno 2012 ha pubblicato un'intervista concessa da Sonu Sood e Neha Dhupia.

The householder - Amitabha Bagchi

Recensione del romanzo The householder di Amitabha Bagchi edito da HarperCollins Publishers India. Open. 'Amitabha Bagchi’s second novel, The Householder, is a delight. And a welcome breath of fresh air in a literary atmosphere clouded with stylish feints and clogged with pretentious storytelling. This appears to be a simple story told in simple, elegant prose that rarely draws attention to itself. Until you finish the book, that is. And realise that neither was the story simple nor the prose unremarkable. (...) The Householder is a masterful piece of writing because it manages to hold cynicism and righteous anger at bay. By doing so, it reveals the truly tragic proportions of contemporary India'.

2012: the year of Bengal for Indian cinema

Vi segnaliamo un interessante articolo pubblicato ieri da Long Live Cinema, nel quale l'autore, partendo dall'impatto creato da tre pellicole - Kahaani, Vicky Donor e Shanghai -, analizza l'attuale situazione del cinema bengali, nonchè il suo sostanzioso contributo, in termini qualitativi, alla produzione mumbaita.

The collaborator - Mirza Waheed

Indian words ha pubblicato la recensione del romanzo The collaborator di Mirza Waheed.

Bol Bachchan: Nach Le

Vi segnaliamo il coloratissimo video del brano Nach Le incluso nella colonna sonora del film Bol Bachchan.

Kangna Ranaut: I struggled for roles like crazy

Ultimamente il talento di Kangna Ranaut sembra aver perso il suo smalto, ma l'intervista concessa dall'attrice, segnalata oggi da The Times of India, sembra interessante.

Irrfan Khan at The Amazing Spider-Man press conference

The Amazing Spider-Man
Bollywood Hungama ha diffuso un video dedicato alla conferenza stampa organizzata a Mumbai in occasione della prima di ieri di The Amazing Spider-Man, nelle sale indiane a partire dal 29 giugno. Ovviamente Irrfan Khan era presente all'evento. L'attore ha parlato del suo ruolo, e ha rivelato di essere in partenza per gli USA, per la prima americana della pellicola (che verrà distribuita il 3 luglio) e per tornare sul set di Life of Pi di Ang Lee. Nel video sono incluse alcune sequenze con Irrfan protagonista tratte dal film di Marc Webb. Vi ricordiamo che The Amazing Spider-Man approderà nelle sale italiane il 4 luglio.