7 aprile 2019

Thugs Of Hindostan: recensione

[Blog] La storia, nel suo complesso, vista (molto) dall'alto, non è male. L'idea c'è. Un pizzico di umorismo anche. E' chiaro che per lo spettatore adulto la grana è troppo grossa, e la trama è sfilacciata e non sufficientemente articolata. Thugs Of Hindostan manca del giusto ritmo. Viene concesso ampio spazio al personaggio di Firangi a discapito di Azaad e Zafira, le cui vicende di eroismo e ribellione dovrebbero invece costituire l'ossatura della narrazione. Oltre a questo, a mio parere il difetto maggiore è nell'assoluta incongruità fra il fiume di denaro trasfuso nel progetto e il modesto risultato in termini di effetti speciali e di scene d'azione.

26 marzo 2019

Mausam: recensione

[Blog] Mi sono un po' annoiata, ma ho visto film peggiori. Esteticamente parlando, Mausam è in larga parte di ottima fattura. Sonam Kapoor contribuisce con la sua bellezza e con la sua quieta eleganza. Edimburgo è un set eccezionale. La regia è accettabile. Il commento musicale in tono. Il cast si impegna. Shahid Kapoor non delude. Alcuni grossolani, vistosi difetti vanificano però gli sforzi.

17 marzo 2019

Secret Superstar: recensione

[Blog] Leggo le recensioni positive, penso agli incassi stratosferici, e rimango perplessa. Cosa c'è in me che non va? Perchè Secret Superstar - uno dei film con protagonista femminile di maggior successo nella storia del cinema indiano - non mi ha colpito? A mio parere è solo una pellicola per ragazzi di fattura piuttosto modesta. La storia non è male. La sceneggiatura azzarda qualche spunto interessante, come la denuncia della violenza domestica e il diritto all'auto-affermazione femminile. Il cast è del tutto dignitoso. Ma la regia, con l'esclusione delle scene madri, è poco robusta. La narrazione non è abbastanza articolata da coinvolgere un pubblico adulto.

12 marzo 2019

Raees: recensione

[Blog] Raees mi è piaciuto parecchio. La confezione è superlativa grazie ad un eccellente cast tecnico. La sceneggiatura è dinamica, e riesce a personalizzare un soggetto promettente ma certo non originale, sorprendendo lo spettatore malgrado la prevedibilità della trama. Sai cosa sta per accadere, eppure ne rimani quasi stupito quando accade. La narrazione è fitta, tesa, coinvolgente. Raees offre emozioni e atmosfere diverse raccontando una vita per molti aspetti eccezionale. La carica adrenalinica di temerarietà, sfrontatezza e ambizioni nell'ascesa. La stabilità nell'alternanza di crimini violenti, affetti e altruismo. Infine il tono luttuoso della disfatta.

8 marzo 2019

Tanu Weds Manu: recensione

[Blog] L'ho visto la prima volta e ho capito poco o niente. Ogni inquadratura è rigonfia di personaggi che non si limitano ad osservare educatamente i protagonisti, ma si muovono, ridono, chiacchierano fra loro. La camera si sposta di continuo. Il commento musicale commenta. I sottotitoli si susseguono a ritmo vorticoso. Un'ansia che non vi dico. Non riuscivo a seguire la trama. Alcuni eventi mi parevano scollegati. Non avevo troppa voglia di sorbirmelo di nuovo.

5 marzo 2019

Dangal: recensione

[Blog] Doveva essere un film a tema sportivo. Doveva essere un film imperniato sulla storia vera di due magiche figure femminili. Invece Dangal narra sostanzialmente un'ossessione maschile. La pellicola è piacevolissima da guardare, non fraintendetemi. Il primo tempo è molto divertente, il secondo regala una serie di prove sportive realistiche e coinvolgenti. La critica ha esultato. I media indiani hanno sottolineato l'aspetto (secondo loro) femminista. Dangal ha incassato cifre astronomiche. In Cina pare abbia attirato, solo on line, ben 400 milioni di spettatori.

2 marzo 2019

Dear Zindagi: recensione

[Blog] E' incredibile come Gauri Shinde sia riuscita a creare un personaggio così dettagliato e preciso, e a rappresentarlo in modo così efficace nel limitato arco di tempo di un film. La sua sceneggiatura è delicatissima e minuziosa. Alia Bhatt è magnifica. Magnifica. Interpreta con abbandono e generosità infinita un personaggio sgradevole, scomodo, complicato. Alia è sostenuta da una regia attenta, ed è affiancata da un team di attori molto diligenti. Shah Rukh Khan è sobrio e insostenibilmente affascinante. Accetta di buon grado di restare defilato e cedere il passo ad Alia, ma è comunque impossibile ignorarlo: sai che c'è, che è lì da qualche parte sul set, e l'occhio lo cerca di continuo.

27 febbraio 2019

Gully Boy: recensione

[Blog] Sottoculture, musica, storie di formazione e di riscatto, sogni che si realizzano: Gully Boy, di una bellezza rara, è il film per me. Potreste obiettare: tutto già visto e sentito. Vero. Ma magari non ambientato a Mumbai e non in hindi. E comunque non riuscireste a smorzare il mio incontenibile entusiasmo, perchè l'energia che GB sprigiona è spontanea e travolgente, ed è di forza tale da spazzar via quanto già visto e sentito. Ogni fotogramma emana un'intensità neonatale. Non rappresenta qualcosa, piuttosto nasce sotto i tuoi occhi. 

26 febbraio 2019

Padi Padi Leche Manasu : Recensione


[Blog] Vaishali (Sai Pallavi) e Surya (Sharwanand) si amano e vivono una storia appagante. A un certo punto lei parte per il Nepal e il ragazzo rincontrando suo padre comincia ad avere dubbi sul futuro della sua relazione. La recensione nella sezione FILM

24 febbraio 2019

Enthiran: recensione

[Blog] Devo aver contratto un morbo sconosciuto. Ultimamente vedo solo pellicole che mi sconcertano, e forse il problema sono io. Prendiamo Enthiran. E' probabile che sia il primo film indiano di fantascienza dell'era dell'effetto speciale spinto. In lingua tamil, interpretato dalla supersuperstar Rajinikanth e dalla donna più bella del mondo, Aishwarya Rai, diretto da S. Shankar, costato un botto, mi ha divertito moltissimo e mi ha annoiato moltissimo. Sto interrogando le due differenti personalità che evidentemente albergano nel mio cranio per chiarire la cosa. Ore angosciose mi attendono.

20 febbraio 2019

PK: recensione

[Blog] Con questo film non mi raccapezzo. Cambio idea ogni due minuti. E' geniale? Una cazzata colossale? Boh. Sono (credo) sicura solo di un paio di cose: l'ho trovato troppo lungo per la storia che narra; il personaggio di PK mi ha molto divertito. Per il resto oscillo come un pendolo. Mi è difficile scrivere una recensione o esprimere una valutazione riassuntiva. Provo a sezionarlo, ma devo prima azzerare decenni di letture di romanzi di fantascienza (dimenticarmi, ad esempio, di Straniero in terra straniera, o di un capolavoro come L'uomo che cadde sulla Terra), e considerarlo una favola per adulti. 

19 febbraio 2019

Dilwale: recensione

[Blog] Il fiore all'occhiello del film è la presenza nel cast della coppia più scintillante del cinema indiano, quindi, in tal senso, le mie aspettative erano altissime. Come al solito, l'elettricità che Kajol e Shah Rukh Khan condividono sullo schermo mi ubriaca e ottenebra la mia capacità di giudizio. Rimarrei deliziata (e tramortita) anche se si limitassero a fare gli alberi per tre ore consecutive. Penso con tristezza che forse passeranno degli anni prima che vengano scritturati in un nuovo progetto. Penso con terrore che forse non lavoreranno più insieme (cosa vivo per fare, allora?). Perciò Dilwale mi è prezioso e ringrazio quel matto scriteriato di Shetty.

14 febbraio 2019

Rakht Charitra I/II: recensione

[Blog] Una storia estremamente tragica, estremamente violenta, ambientata in una città dell'Andhra Pradesh nella quale la brutalità e i massacri sembrano, agli sventurati abitanti che la popolano, l'unica realtà possibile. Non c'è nemmeno rassegnazione, solo un'anestetizzata indifferenza dettata dall'abitudine e dall'assuefazione. Milizie armate private ovunque. Forze dell'ordine impotenti quando non conniventi. Politici corrotti e disumanizzati. Discriminazioni castali. Giustizia e ordine sociale inesistenti. Un mondo primitivo intriso di ferocia, vendetta, sangue, morte. Privo di redenzione. Un film dell'orrore innestato nel quotidiano. Nessuno è innocente. Le vittime non perdono tempo a riciclarsi in carnefici, col plauso dei familiari. Le donne e i bambini non battono ciglio. Ram Gopal Varma, narrando le vicende curiosamente simili di Ravi e di Surya, sostiene che chiunque, spinto dalle circostanze, può trasformarsi in un assassino. Non esiste un limite fra vendetta personale e sterminio indiscriminato, perchè lo si valica agilmente quando il dolore viene compenetrato da un groviglio incendiario di orgoglio, odio e sete di potere.

10 febbraio 2019

Dhoom 3: recensione

[Blog] Dhoom 3 mi ha alquanto deluso. Spiace per Vijay Krishna Acharya, il cui primo titolo da regista, Tashan, è a mio parere un ottimo esempio di film demenziale, purtroppo sottostimato. Vijay ha anche redatto la magnifica sceneggiatura di Dhoom 2 (in piedi, per favore). Le aspettative erano dunque altissime. Ma ho trovato questa pellicola sconfortante. Il soggetto non mi ha del tutto convinto. La sceneggiatura (sempre di Acharya) è insoddisfacente. Le implausibilità non si contano. La narrazione zoppica. Il primo tempo mi ha annoiato a morte. I personaggi sono freddi, con l'eccezione di Samar. I dialoghi molesti. La regia spenta. D3 è in larga parte ripetitivo, poco avvincente, poco emozionante. E manca di ironia.

6 febbraio 2019

Umrao Jaan: recensione

[Blog] Umrao Jaan è un adattamento cinematografico dell'opera in lingua urdu Umrao Jaan Ada (1899) di Mirza Hadi Ruswa. La fonte, in un certo senso, pesa. I dialoghi sono molto letterari, la recitazione un po' troppo teatrale. Il romanzo avrà forse fatto scalpore al tempo della pubblicazione, ma la narrazione in questa pellicola è talmente lenta e soporifera, il messaggio talmente diluito (in 3 abbondanti, interminabili ore di durata), che ti dimentichi di cosa parla il film mentre lo stai guardando. Ed è un peccato, perchè nel cinema hindi le storie al femminile sono poco comuni.

2 febbraio 2019

Talaash: recensione

[Blog] Il noir è un genere poco esplorato in India. Figuriamoci un noir scritto e diretto da donne. La storia è ben concepita. La sceneggiatura splendidamente stratificata. Difficile distinguere trama e sottotrame. Ma poi: è proprio (solo) un noir? Talaash mescola sapientemente noir, thriller, paranormale, sentimenti ed emozioni. Sì, un noir dall'ambientazione notturna e dai chiaroscuri psicologici. Mumbai è ammaliante. I personaggi incantano. Sì, un thriller un po' inconsueto intrecciato al paranormale. Sì, un paranormale che è anche un tributo intelligente e innamorato ad una maestosa pellicola di produzione internazionale (che non specifico per evitare spoiler). Un paranormale che esonda dal thriller sino a rivoltare come un guanto il vissuto dei protagonisti. Il tutto innestato su una corrente sotterranea di afflizione senza scampo. I personaggi convivono con un dolore torturante, un macigno infrantumabile abbarbicato alla schiena. Impossibile non provare empatia. Talaash è un film difficile da affrontare per l'angoscia che provoca.

30 gennaio 2019

Chennai Express: recensione

[Blog] Rohit Shetty è la mia spina nel fianco. Ad oggi, è il regista indiano dei record: ha diretto un numero notevole di pellicole che hanno letteralmente incendiato il botteghino. Sembra un tipo simpatico e gioviale. Non brutto. Pure alto. Grande amico di Ajay Devgan, ha sdoganato lo schivo, autoriale Ajay, incoronandolo superstar grazie ad una lunga serie di film inguardabili ma di enorme successo. A fine dicembre ha catapultato Ranveer Singh nello stesso empireo con il pirotecnico Simmba. Nel 2015, per la gioia di larga parte (quella migliore) della popolazione mondiale, ha riunito la magica coppia Kajol-Shah Rukh Khan in Dilwale. Insomma: difficile apprezzarlo (professionalmente), impossibile odiarlo, impossibile ignorarlo.

31 dicembre 2018

Simmba: recensione

[Blog] Simmba non è un brutto film, soprattutto considerando la media qualitativa degli altri titoli diretti da Rohit Shetty. Il soggetto si ispira a Temper (2015), pellicola di successo in lingua telugu di Puri Jagannadh, ma la sceneggiatura se ne discosta parzialmente. Simmba è una sorta di tributo al roboante eroe della tradizione del cinema popolare indiano, e tutto, nella realizzazione del film, si piega a questo fine, con risultati spesso azzeccati. La confezione è curata. Da un punto di vista tecnico (fotografia, montaggio, scenografie, coreografie, colonna sonora) Simmba è impeccabile. I dialoghi regalano diverse battute davvero esilaranti. Le sequenze d'azione si lasciano guardare con gusto.

29 dicembre 2018

Zero: recensione

[Blog] Zero è uno sfavillante masala di: Natale, Bollywood, mega-divismo, effetti speciali, esagerazioni cosmiche, asettiche location estere (e oltre); e di: cattiveria mordace, personaggi (anche) corrosivi dalle vite irriducibilmente vulnerate, registi/sceneggiatori in bilico fra cinema d'autore e popolare, mega-divi che si cimentano in ruoli stimolanti e autoironici (e suicidi), scoppiettante folklore da entroterra indiano. L'imperturbabile Aanand L. Rai con Zero apre la strada ad un nuovo modo di strutturare la narrazione bollywoodiana e di concepire l'eroe hindi e l'intrattenimento di massa.


4 maggio 2018

Cosa dirà la gente

[Blog] Da giovedì 3 maggio 2018 è in distribuzione nelle sale italiane, grazie a Lucky Red,  il film di produzione internazionale Cosa dirà la gente, scritto e diretto da Iram Haq. Nel corposo ruolo di Mirza, il padre della protagonista, è stato scritturato Adil Hussain.

24 febbraio 2018

E' morta Sridevi

E' di pochi minuti fa la sconvolgente notizia della morte di Sridevi, deceduta a Dubai a causa sembra di un arresto cardiaco. L'attrice aveva 54 anni. Siamo talmente scioccati da non riuscire ad aggiungere altro. Evento tristissimo per tutti gli amanti del cinema indiano. Condividiamo con voi una fotografia, scattata qualche giorno fa, che ritrae la celebre diva in compagnia di Anil Kapoor, Karan Johar e Manish Malhotra.



Firenze, gennaio 2017

2 gennaio 2018

Jawaan: i video girati in Valle d'Aosta

Jawaan, distribuito il primo dicembre 2017, è un film in lingua telugu diretto da B.V.S. Ravi, e interpretato da Sai Dharam Tej (i cui legami familiari con celebrità del cinema provocano qualche capogiro) e da Mehreen Pirzada (scritturata anche in Phillauri, con Anushka Sharma). Trailer. La troupe di Jawaan nel giugno 2017 aveva girato alcune sequenze in Valle d'Aosta (Aosta, Hone - chiedo scusa ma non sono capace di digitare l'accento circonflesso -, Bard). Vi segnaliamo i video dei brani Bangaru (e del making) e Bugganchuna (e del making).

22 dicembre 2017

Il matrimonio di Anushka Sharma in Toscana

[Blog] Lunedì 11 dicembre 2017 Anushka Sharma e Virat Kohli si sono sposati, a sorpresa o quasi, in Toscana, nell'esclusivo e blindatissimo Borgo Finocchieto. Bocciata quindi Milano, località data per favorita sino a poche ore prima. Alla cerimonia hanno presenziato una quarantina di invitati fra familiari e amici stretti. Nessuna celebrità.

River to River Florence Indian Film Festival 2017

Dal 7 al 12 dicembre 2017 si è svolta la 17ma edizione del River to River Florence Indian Film Festival. Fra i titoli in cartellone, segnaliamo Newton, Omertà, Shab e Ventilator. Hansal Mehta e Onir hanno partecipato alla manifestazione. Intervista video concessa da Hansal Mehta e diffusa da La Repubblica. Replica a Milano, allo Spazio Oberdan, dal 2 al 4 febbraio 2018.

Hansal Mehta

Onir

Selvaggia Velo e Onir

Farhan Akhtar in Italia

Farhan Akhtar è tornato in Italia, per un paio di settimane, fra la fine di novembre e gli inizi di dicembre di quest'anno. Il noto attore e regista ha condiviso alcune fotografie scattate a Milano e a Como.

12 ottobre 2017

9 ottobre 2017

Priyanka Chopra in Italia per le riprese di Quantico stagione 3

[Blog] Priyanka Chopra ieri è arrivata a Roma per le riprese della terza stagione di Quantico. Vi proponiamo una serie di immagini scattate in luoghi turistici e sul set.

14 settembre 2017

Inspector Notty. K: le riprese in Italia

[Blog] La star del cinema in lingua bengali Jeet è tornata in Italia con una nuova produzione: Inspector Notty. K. Il film è diretto da Ashok Pati e interpretato, oltre che da Jeet, dall'attrice Nusraat Faria, stella del Bangladesh in prestito a Tollywood. La troupe, dopo una tappa a fine agosto in Toscana, il 2 settembre è approdata a Genova, e si è fermata in Liguria sino al 14 settembre. Vi offriamo una carrellata di immagini e video.

8 settembre 2017

Richa Chadda alla Mostra del Cinema di Venezia 2017

Richa Chadda ha presenziato, alla Mostra del Cinema di Venezia 2017, alla prima mondiale di Victoria & Abdul, il nuovo film di Stephen Frears fuori concorso alla manifestazione. Il personaggio di Abdul è interpretato da Ali Fazal, fidanzato (secondo la stampa indiana) di Richa. I due hanno lavorato insieme in Fukrey.



Ritesh Batra alla Mostra del Cinema di Venezia 2017

Ritesh Batra ha presentato Our souls at night in prima mondiale, fuori concorso, alla Mostra del Cinema di Venezia 2017. Il film è interpretato da Jane Fonda e Robert Redford.


Mukti Bhawan in programmazione a Milano

Mukti Bhawan (Hotel Salvation), presentato nel 2016 alla Mostra del Cinema di Venezia, è in programmazione a Milano in versione in lingua originale con sottotitoli in italiano. Proiezioni dal 4 al 27 settembre 2017 allo Spazio Oberdan (clicca qui). Il film è diretto da Shubhashish Bhutiani e interpretato da Adil Hussain. Trailer.

30 agosto 2017

Chamak: le riprese in Italia

[Blog] La troupe del film in lingua kannada Chamak ha girato alcune sequenze in Italia. I set sono stati allestiti il 17 agosto a Vernazza, il 18 agosto a Genova (Piazza De Ferrari e Corso Italia) e il 19 agosto a Torino (Via Roma e Piazza San Carlo). La troupe avrebbe poi proseguito per Milano e Roma. Chamak è diretto da Suni e interpretato da Ganesh. La distribuzione in India è prevista per novembre.

Neetu Singh e Rishi Kapoor in vacanza a Roma

Neetu Singh e Rishi Kapoor sono tornati in Italia. La coppia ha soggiornato a Roma intorno alla metà di Agosto.

Farhan Akhtar in vacanza in Sardegna

[Archivio] Nella prima metà di luglio 2017, Farhan Akhtar e la figlia Akira hanno trascorso un breve periodo di vacanza in Sardegna.


7 agosto 2017

Jab Harry Met Sejal: recensione di Cinema Hindi

[BlogSRK si diverte un mondo nel ruolo del bastardo infrequentabile dal cuore tenero, ed io con lui. Ci sono lampi di KANK e di Chak De! India negli spigoli di Harry, e non potrei chiedere di meglio. Nei titoli di testa, commentati dallo stupendo brano Safar (standing ovation per Pritam e per il timbro ruvido di Arijit Singh), Harry entra in scena senza alcuna enfasi bollywoodiana e innalza le mie aspettative alle stelle.

Jab Harry Met Sejal - Recensione di LuceSole

[Blog] (recensione è una parola grossa)

20 luglio 2017

5 luglio 2017

Priyanka Chopra e Giorgio Armani a Parigi

Priyanka Chopra è in questi giorni a Parigi, dove ha presenziato alla sfilata di Giorgio Armani. Fra le altre celebrità ospiti dell'evento, citiamo Sophia Loren e Isabelle Huppert.