31 luglio 2012

Teri Meri Kahaani: Recensione

[Blog] Recensione di Teri Meri Kahaani (2012), la nuova commedia romantica del regista di Hum Tum e Fanaa. Con Priyanka Chopra e Shahid Kapoor.

Meherjaan: recensione di DearCinema

Recensione di Meherjaan (2011), film bengalese diretto da Rubaiyat Hossain proiettato in questi giorni all'Osian's Cinefan Film Festival di Delhi. Nel cast Jaya Bachchan. Trailer. DearCinema

Comic con return with a bang!

Il 29 luglio 2012 DNA ha pubblicato un articolo dedicato al successo in decisa crescita che il fumetto sta riscontrando in India.

Aishwarya e Abhishek Bachchan: People India 10 agosto 2012

La copertina del numero del 10 agosto 2012 dell'edizione indiana di People è dedicata alla supercoppia Aishwarya Rai-Abhishek Bachchan.

Salman Khan: Why should I remain a bachelor

Dublino - set di Ek Tha Tiger
Vi segnaliamo l'intervista concessa dalla superstar Salman Khan a Hindustan Times pubblicata ieri.

Hrithik Roshan: Men's Health India agosto 2012

(Eh, lo so). La copertina del numero di agosto 2012 dell'edizione indiana di Men's Health è dedicata al dio greco di Bollywood: Hrithik Roshan.

Raaz 3: trailer

Questa mattina è stato presentato in rete il trailer in edizione non censurata di Raaz 3, film horror diretto da Vikram Bhatt in distribuzione il 7 settembre. Nel cast Emraan Hashmi e Bipasha Basu.

Katrina Kaif: Filmfare hindi agosto 2012

La copertina del numero di agosto 2012 dell'edizione in lingua hindi di Filmfare è dedicata a Katrina Kaif.

29 luglio 2012

Harud: recensioni

The Indian Express, ****: 'Aamir Bashir’s directorial debut is finely wrought, and harrowing. It stays unwaveringly with the people it depicts, who live mostly with despair, because hope is too costly. (...) Bashir, who was a successful actor for many years before he switched to writing and directing, is from Kashmir. And his story has an interiority which doesn’t need words, because he has seen this and felt this. The sense of foreboding that gripped me when the film began didn’t let go; I let out my breath only when the film was over, and then took refuge in silence. Harud is an elegy, a film that is hard to watch but one that must be watched. Because we say this is our land, and they say it is theirs, but look what we have done to it'. CNN-IBN, ***: 'Harud directed by Aamir Bashir is subtle and understated, and unfolds at a quiet, unhurried pace despite the urgency of the themes it addresses. (...) Harud is an intensely personal film that benefits considerably from its minimalist dialogue and mostly barren soundtrack. Clearly wanting you to get a real sense of his characters' lives, director Aamir Bashir uses long silences, occasionally repetitive shots, and that meditative pace to make his point. Not all of it works at all times. (...) Yet, the film has an honest, aching beauty that's irresistible despite its bumps. (...) This is an important, delicate film that asks a lot from its audience. Turn off your cell-phone and submit yourself to it; you won't be disappointed'. The Film Street Journal, **: 'Subtle performances, without too many obvious dialogues, make sure that the film is not a mere entertainer. It commands people to ponder. (...) Despite its many insights, Harud fails to evoke any real emotions in the viewer. (...) It is a tale told with complexity, demanding complete focus on the proceedings, which inches forward at a snail’s pace, making it difficult to pay complete attention. The complete lack of humor and music adds solemnity to an already serious subject. The use of subtle metaphors and symbols cuts off the understanding of the film for a major section of the people. (...) Being a Kashmiri himself, Aamir Bashir has chosen a subject close to his heart. But the telling doesn’t translate into heartfelt cinema'. DearCinema: 'The tranquil restraint with which Aamir Bashir and Shanker Raman depict the violence and madness in Kashmir in Harud (Autumn) is extra-ordinary. They achieve remarkable success in capturing the human side of the situation in Kashmir in a manner that we rarely see in Indian cinema. (...) Quite contrary to the stereotypical vision of the valley, the Kashmir of Harud is made of closed spaces. (...) There is a certain austerity with which the film seems to be made. (...) The power of Harud lies in its silences. (...) We the audience, lost in the confusion of the protagonist, know little of what’s brewing underneath the superficial calm of the film. When this restlessness comes to the fore after a violent eruption, the film leaves us with a profound feeling of loss. It’s truly a cinematic vision, an outcome of the successful collaboration between the writer-director (Aamir Bashir) and writer-cinematographer (Shanker Raman). Harud is a highly accomplished piece of cinema that’s innately humane in its storytelling'. Mayank Shekhar: 'The film’s treatment matches its subject. This isn’t a picture about a running plot. If anything, some audiences might find the subtlety in the narrative too sedating for comfort. It effectively captures the atmosphere. A rough, docu-drama feel draws you into a world that news and statistics usually detach us from. We read about Kashmir’s suffering. The shaky digital camera, following the boy’s life, plants us right in the middle of the valley of darkness. The effect is mildly chilling. The empathy is complete. Cinema isn’t always designed to merely entertain. Some of it, like this one, can instantly transport us into the lives of others'. Box Office India: 'The best part of this film is its honesty and the subtlety with which the story is told. In its simple approach, Harud tries to showcase the fear that envelopes the Kashmiris in their everyday lives. (...) Aamir Bashir, who is known for his acting career, makes his debut as a director with Harud. Though his story-telling skills lack zest, he does impress with the honesty behind the film. But he needs to pay more attention to detail. Many scenes end abruptly and are inconclusive'.

Le prime del 03 agosto: Jism 2

La regista Pooja Bhatt osa l'impensabile e offre al pubblico indiano una pellicola a sfondo erotico, Jism 2, nella quale il ruolo della protagonista è affidato all'attrice porno indocanadese Sunny Leone, affiancata da un bollente Randeep Hooda. Per i maschietti: potete ammirare Sunny in azione, in abitini succinti ma più frequentemente in biancheria supersexy, nel trailer in edizione non censurata e nei video dei brani Jism 2, Abhi Abhi, Maula, Yeh Kasoor, Hey Walla e Darta Hoon (Adhoora), inclusi nella colonna sonora del film. Contenti? Per le femminucce: ma chissenefrega di quella rifattona della Leone! Noi prenotiamo la prima fila solo per Randeep: *LUI* ce lo prendiamo anche vestito da Lupo Alberto...

Le prime del 03 agosto: Krishna Aur Kans

A seguito del successo della serie televisiva Little Krishna, le vicende della giovanissima divinità vengono raccontate nel primo film indiano d'animazione in 3D stereoscopico, Krishna Aur Kans, diretto da Vikram Veturi. Le voci dei genitori di Krishna sono prestate da Juhi Chawla e da Manoj Bajpai. La colonna sonora è composta da Shantanu Moitra. Un assaggio nel video Hey Krishna. La pellicola viene distribuita anche in edizione in lingua inglese, tamil e telugu. Trailer.

Kyaa Super Kool Hain Hum: recensioni

Bollywood Hungama, ***1/2: 'Adult humor is something that is yet to be explored to the fullest in Hindi filmdom. Masti (2004) and Kyaa Kool Hain Hum (2005) were two of the earliest films that made way for adult comedies. Last year's Delhi Belly, which was brimming with adult humor, made us realize that we are at ease with adult jokes and this genre is no longer considered discreditable or disgraceful. (...) Yardi has kept the narrative speedy all the way through and has integrated some clever lines to keep the hilarity alive. There are sooooo many hilarious episodes in the film and several naughty jokes as well. Also, a bucketful of double entendres. (...) Though there's hardly a dull moment in its swift screenplay, I wish to add, KSKHH droops faintly in the middle, but again concludes on an unpredictably sprightly high. Besides, there are some jokes that work big time, while a few only try very hard to evoke mirth. (...) Despite the sexual tone, adult jokes, impish humor, the movie, at no juncture, gets offensive, distasteful or objectionable. In fact, it's one big joyride from commencement to conclusion'. The Times of India, ***: 'Director Sachin Yardi's film will appeal to an audience who trips over 'hard-core' sex comedies. There are scenes that 'vibrate' with humour, and squeeze ample laughs (some forced), but it's mostly a bleak story-line with random scenes which are padded with pun-fulls of adult humour, sexual innuendo, and expletive one-liners. For a sex-comedy, the film is a tad long. (...) If you have a whacked out sense of humour, and are willing to leave your brains behind, go laugh your guts out! It's all below the belt anyway'. The Film Street Journal, **1/2: 'Unabashedly politically incorrect, farcical, preposterous, ridiculous, perverse, potty-humour and slapstick, but most of all, completely unapologetic.The soul or the loose character of the film, remains in place all through with the constant influx of adult humour. (...) Slapstick accepted, low-level humour okay, but the maximum gags are on homosexuals, making them objects of scorn. (...) Half star extra to Tusshar (Kapoor) for poking fun at himself'. Hindustan Times, *1/2: 'Writer-director Sachin Yardi is too lazy to create a plot, so the film is just a series of gags that allow him to bung in as many puerile sexual innuendos as possible. (...) Yes, that’s seriously scary. Only the brave need venture in'. CNN-IBN, *1/2: 'The problem with this film isn't that it's so unapologetically vulgar, but that it's just not very funny. And that's a shame, because leading men Tusshar Kapoor and Ritesh Deshmukh have a winning chemistry and sharp comic timing…now if only they were required to do a little more than stripping down to their boxers and repeatedly making crude gay jokes'. Rediff, *1/2: '(...) there's really no point to a sexless sex comedy. (...) at two hours 16 minutes, it feels nearly two hours too long'. Business of Cinema, *: '(...) if, like me, you find jokes about fair skin being better than dark skin racist and latent homophobia abhorrent then KSKHH will not only leave you numb, but offended. I noticed in the morning show that it was backpack carrying repressed teenage boys enjoyed the double entendres the most. The girls, on the other, would much rather have been watching Cocktail!'.

28 luglio 2012

Jism 2: Hey Walla e Darta Hoon (Adhoora)

A ridosso della distribuzione di Jism 2, vi presentiamo i video di due brani inclusi nella colonna sonora del film: Hey Walla e Darta Hoon (Adhoora). E malgrado Sunny Leone si impegni moltissimo e sfoggi solo push-up e guepière anche in coda all'ufficio postale, tutto lo staff concorda con Caterina: la vera pornostar in Jism 2 è Randeep Hooda. Figo. Supremo.

Local Kung Fu: recensione di DearCinema

Rassegnatevi: abbiamo adottato Local Kung Fu, quindi vi sfiniremo con le notizie che lo riguardano. Stamattina vi avevamo annunciato l'odierna proiezione all'Osian's Cinefan Film Festival di Delhi. Ora vi segnaliamo la nuova recensione pubblicata da DearCinema e redatta per l'occasione.

Deepa Mehta presenta Midnight's children

Midnight's children è una delle produzioni internazionali più attese del 2012. La regista Deepa Mehta presenta il suo nuovo film nel corso di una lunga intervista pubblicata oggi da Bollywood Hungama.

Box office: 20/26 luglio 2012

1 - Cocktail (distribuito il 13.07); 2 - Bol Bachchan (06.07). Bollywood Hungama

Student of the year: locandina

Qualche minuto fa il regista e produttore Karan Johar ha presentato in Twitter la locandina del suo nuovo film, Student of the year, il primo senza Shah Rukh Khan. Ma tranquilli: il Re coproduce e dovrebbe regalare un cameo. Nel cast solo giovani esordienti. La distribuzione è prevista per l'ottobre 2012.

Kenny Basumatary presenta Local Kung Fu

Dobbiamo confessarlo: l'esilarante trailer di Local Kung Fu, la commedia di arti marziali realizzata con un budget di soli 2.000 dollari, ci ha conquistato, ed ormai soffriamo di compulsione da visione ripetuta (bisogna essere senza cuore per non innamorarsene al primo fotogramma). Ecco cos'abbiamo scovato nella solita golosa pasticceria on line di DearCinema (santi tutti): un'intervista concessa da Kenny Basumatary, il pazzo regista, e una recensione nuova di zecca. Vi ricordiamo che Local Kung Fu viene proiettato proprio oggi all'Osian's Cinefan Film Festival di Delhi.

Amitabh Bachchan: I don't like the word Bollywood

Vi segnaliamo l'intervista concessa da Amitabh Bachchan a The Times of India pubblicata oggi. 'I don't like this word which describes the Indian film industry. Cinema was almost looked upon as infra dig, parents used to go and vet a film before we were allowed to get inside a theatre. Cinema in general was held as an institution where children from good families were not looked as being associated with. But look at the change that has happened now. I don't know if this is good for the country or not; but it's almost become a part of our culture. There are more people who know about the Indian film industry. So, that bodes well. The West was very cynical about our quality of cinema. We made very escapist fare. But one of the points the West did not recognise was that cinema as a medium of entertainment for the common man. I do see Indian cinema progressing very well; gradually, our talent is being recognised, whether in Great Britain or Hollywood, in festivals in Cannes, London, Venice. So, I think we are on the right path'.

Tejaswini Ganti presenta Bollywood

Questo articolo pubblicato ieri da Il Resto del Carlino contiene un interessante commento dell'antropologa Tejaswini Ganti, autrice di alcuni volumi dedicati al cinema hindi (Bollywood: a guidebook to popular Hindi cinema, Producing Bollywood: inside the contemporary Hindi film industry): 'Le canzoni sono utilizzate come veicolo primario per rappresentare la fantasia, il desiderio, la passione. Una situazione ricorrente che è divenuta un cliché è quella dei personaggi che cantano e ballano sotto la pioggia. La pioggia è sempre stata investita di un significato erotico nella mitologia, nella musica classica e nella letteratura indiane, in quanto associata alla fertilità e alla rinascita. Utilizzate in molti film nel corso degli anni, queste sequenze spesso estremamente erotiche - con gli abiti bagnati aderenti ai corpi - sono parte di un elaborato sistema di allusioni, piuttosto che di rappresentazione esplicita della sessualità e dell’intimità fisica, in quanto i registi devono farsi largo tra il conservatorismo del pubblico e i limiti rappresentativi imposti dallo stato attraverso i codici di censura. Oltre a esprimere emozioni intense e intimità fisica, le canzoni sono frequentemente utilizzate per favorire il passaggio del tempo o per evocare i ricordi: i bambini possono diventare adulti nel corso di una canzone, un personaggio può essere trasportato in un’epoca precedente. Le canzoni possono contribuire alla caratterizzazione quando sono usate per introdurre gli attori principali in un film. Ma sono anche un modo per esprimersi in maniera indiretta, grazie al quale i personaggi possono comunicare pensieri e desideri che sarebbe inappropriato manifestare esplicitamente. Per esempio, un uomo può cantare il tradimento della sua amante dinnanzi a lei e al marito in un’occasione pubblica senza che il marito sospetti di nulla. L’espressione più comune con cui la stampa indiana descrive le sequenze con canzoni coreografate è “correre intorno agli alberi”. Questa frase è usata incessantemente in riferimento alle canzoni d’amore dei film in cui la coppia protagonista si mette a cantare in ambienti pittoreschi come giardini, prati, e foreste, lontani dalla reale ambientazione del film, spesso con continui cambi di costume, e a volte con decine di ballerini sullo sfondo. Questa propensione per i paesaggi silvestri, pastorali, così commentata e ridicolizzata, ha un’origine molto funzionale: nei primi anni del sonoro, prima delle tecniche del cantato in playback e del doppiaggio, quando il suono era registrato direttamente sul set, il modo più semplice per nascondere musicisti e microfoni era usare cespugli e alberi come mimetizzazione'.

L'India alle Olimpiadi di Londra 2012

La foto del giorno - Sushil Kumar, campione del mondo di wrestling, è il portabandiera per la squadra indiana alla cerimonia d'apertura delle Olimpiadi di Londra 2012.

27 luglio 2012

Osian's Cinefan Festival of Indian, Asian and Arab Cinema 2012

[Blog] La dodicesima edizione dell'Osian's Cinefan Festival of Indian, Asian and Arab Cinema si svolge a Delhi dal 27 luglio al 5 agosto 2012. La lista degli ospiti è chilometrica e include, fra gli altri, i registi Rituparno Ghosh, Dibakar Banerjee, Tigmanshu Dhulia, Anurag Kahsyap, Rakeysh Omprakash Mehra, Imtiaz Ali e Kiran Rao; e gli attori Irrfan Khan, Rajat Kapoor, Kalki Koechlin e John Abraham. Vi ricordiamo che Marco Muller è nella giuria della sezione asiatica e araba.

26 luglio 2012

Le Olimpiadi e la tragedia di Bhopal

La foto del giorno - Siamo estremamente felici che Amitabh Bachchan sia stato designato quale tedoforo, e ci auguriamo che gli atleti indiani vincano un nugolo di medaglie, ma non possiamo tacere il fatto che in India molti hanno protestato contro le Olimpiadi di Londra 2012. Alla notizia che uno degli sponsor dei giochi era la Dow Chemical Co., attuale proprietaria della Union Carbide Corp., la compagnia responsabile del disastro chimico avvenuto a Bhopal nel 1984, celebrità e cittadini comuni hanno chiesto di annullare la partecipazione della squadra indiana alle Olimpiadi. E non tutti si sono congratulati con Big B per aver acconsentito a portare la fiaccola olimpica. Leggendo questo articolo pubblicato da NY Daily News, apprendiamo che oggi gli attivisti di Bhopal hanno organizzato una speciale olimpiade a cui hanno partecipato centinaia di sopravvissuti e di bambini affetti da gravi patologie nati dopo la tragedia, tragedia nella quale, secondo lo stesso articolo, persero la vita 15.000 persone e 500.000 rimasero intossicate.


Amitabh Bachchan con la fiaccola olimpica

La foto del giorno - Amitabh Bachchan questa mattina a Southwark ha portato la fiaccola olimpica. NDTV: primo e secondo video. Articolo di The Indian Express.

Midnight's children: nuova locandina

Vi presentiamo una nuova locandina di Midnight's children che ritrae l'attore indiano Siddharth.

25 luglio 2012

Kanti Shah: My films are not porn films

Curiosare nel mondo delle produzioni bollywoodiane di serie B è sempre una delizia, e proprio oggi Rediff ha pubblicato un'intervista concessa dal re indiscusso del genere: il mitico regista Kanti Shah. Siamo ai suoi piedi.

Farhan Akhtar presenta Bhag Milkha Bhag

Vi segnaliamo un'interessante intervista concessa da Farhan Akhtar a Rediff pubblicata oggi.

Heroine: trailer

Questo pomeriggio è stato presentato in rete il trailer in versione non censurata di Heroine. Per saperne di più sul film: clicca qui.

Amitabh Bachchan tedoforo alle Olimpiadi di Londra 2012

Circa un'ora fa la superstar Amitabh Bachchan ha annunciato in Twitter di essere stato invitato dal comitato organizzatore delle Olimpiadi di Londra 2012 a portare la fiaccola olimpica domani a Southwark intorno alle 10.30 di mattina. #MyNationMyAmitabhBachchan

Raaz 3: locandina

Torna la fortunata saga horror di casa Bhatt. Ecco la locandina di Raaz 3, diretto da Vikram Bhatt, con Emraan Hashmi e Bipasha Basu, in distribuzione il 7 settembre 2012.

Open Sesame

Il 21 luglio 2012 Box Office India ha pubblicato un interessante articolo dedicato alle strategie promozionali ideate al fine di aprire nuovi mercati alla cinematografia hindi. Inutile precisare che l'Italia non viene menzionata nemmeno per sbaglio...

BBC: Sawhney scores Hitchcock film

Vi segnaliamo l'intervista video concessa da Nitin Sawhney alla BBC.

Gangs of Wassypur I: recensione di Le Figaro

La prima parte di Gangs of Wasseypur è in distribuzione in questi giorni nelle sale francesi. Vi segnaliamo la recensione di Le Figaro: 'Avouons-le, durant les premières minutes, on se perd un peu dans la profusion des personnages, des flash-back et les méandres d'un scénario alambiqué. Mais on parvient vite à se plonger dans le bain de sueur et de sang de ces histoires de familles à la Corleone, made in India. Il faut dire qu'Anurag Kashyap maîtrise les codes de genre pour mieux les détourner et se les approprier. Références multiples au Parrain de Coppola, aux films de Scorsese - notamment Gangs of New York -, aux westerns spaghetti de Sergio Leone. Au final, un cocktail savoureux et palpitant qui couvre une partie de l'histoire de l'Inde'. La seconda parte verrà distribuita il 26 dicembre 2012.

Shanghai proiettato a Baghdad

Shanghai, l'ultimo lavoro di Dibakar Banerjee, acclamato dalla critica ma bocciato al botteghino, è stato proiettato a Baghdad il 15 luglio, alla presenza di Safia Taleb Ali al-Suhail, membro del parlamento iracheno, e del politico indiano Suresh Reddy. L'evento è stato organizzato a ridosso  della zona internazionale della città. La corrente elettrica è mancata un paio di volte, ma pare che il pubblico presente in sala - soldati compresi - abbia comunque apprezzato la pellicola. Shanghai è il primo film indiano proiettato in Iraq negli ultimi vent'anni. Bollywood Hungama

24 luglio 2012

Yomics

Il mercato editoriale del fumetto in India è, tanto per cambiare, in notevole espansione. Da qualche anno le grosse produzioni bollywoodiane utilizzano il fumetto quale veicolo promozionale, e versioni grafiche dei film di maggior successo vengono talvolta incluse come gadget nei cofanetti di dvd. Ecco la sorpresa. Oggi la Yash Raj Films, una delle più importanti case di produzione cinematografica hindi, ha lanciato il suo catalogo di graphic novels sotto il nuovo marchio Yomics. Sono già acquistabili i volumi dedicati a Dhoom e ad Ek Tha Tiger. In preparazione quello ispirato a Hum Tum (il cui protagonista era proprio un fumettista). Il progetto è affidato a Uday Chopra. Sito ufficiale di Yomics.


Midnight's children al Toronto International Film Festival 2012

Midnight's children, il nuovo lavoro di Deepa Mehta tratto da I figli della mezzanotte di Salman Rushdie, verrà proiettato in prima mondiale al Toronto International Film Festival 2012. Vi segnaliamo il sito ufficiale della pellicola, nel quale leggiamo un'interessante dichiarazione di Rushdie: 'We met with a number of Bollywood titans, to whom I had to "narrate" the film in their homes and even in their stretch limousines; but we agreed, in the end, to avoid casting those Bombay ultra-stars who were unfamiliar with working as part of an ensemble cast. Instead, we chose wonderful actors, highly acclaimed wherever Indian films are seen, who left their egos at home and gave us their all'. Lo scrittore si riferisce al ricco cast di cui fanno parte Shabana Azmi, Seema Biswas, Rahul Bose, Shahana Goswami, Rajat Kapoor, Soha Ali Khan, Anupam Kher, Ronit Roy, Darsheel Safary e Siddharth. Midnight's children, di coproduzione anglocanadese, verrà distribuito il 26 ottobre 2012. Deepa Mehta, rispondendo cortesemente ad un nostro tweet, ci ha assicurato che potremo ammirare il film su grande schermo anche in Italia. La sceneggiatura è firmata dallo stesso Rushdie. La colonna sonora è composta da Nitin Sawhney. Vi proponiamo un breve video tratto da Midnight's children con Rahul Bose, Rajat Kapoor, Shabana Azmi e Shahana Goswami. Vi ricordiamo che il Toronto International Film Festival si svolgerà dal 6 al 16 settembre 2012. Ad oggi, l'unico titolo indiano in cartellone è English Vinglish con Sridevi. Aspettiamo la conferma relativa a Heroine di Madhur Bhandarkar. Verranno anche proiettati The reluctant fundamentalist di Mira Nair, e Silver linings playbook con Anupam Kher.

Sneha Khanwalkar e Gangs of Wasseypur

La giovane Sneha Khanwalkar è l'unico compositore di colonne sonore di sesso femminile attualmente attivo a Bollywood. Sneha ha scosso la scena musicale indiana grazie all'esplosiva colonna sonora di Gangs of Wasseypur. Vi segnaliamo l'intervista concessa da Sneha a Rediff pubblicata oggi.

Puchon International Fantastic Film Festival 2012

La 16ma edizione del Puchon International Fantastic Film Festival si svolge dal 19 al 29 luglio 2012 in Corea. Vi segnaliamo i titoli indiani in cartellone: Ra.One, Zindagi Na Milegi Dobara, Rockstar, Delhi Belly e Om Shanti OmSito ufficiale del festival. Lista dei film indiani e delle coproduzioni indiane.

1971: a novel - Humayun Ahmed

Recensione del breve romanzo 1971: a novel di Humayun Ahmed, scrittore bengalese deceduto lo scorso 19 luglio. Indian words

Aamir Bashir presenta Harud

Il regista Aamir Bashir presenta Harud - in distribuzione venerdì - in quest'intervista concessa a Long Live Cinema, nella quale fra l'altro leggiamo: 'I still remember watching Vittorio De Sica’s Bicycle Thief at Shakuntalam. It had a profound effect on me and thankfully severed my relationship with Bollywood'.

23 luglio 2012

Bejawada : Recensione


[Blog] Recensione di Bejawada (2011), action movie in lingua telugu diretto da Vivek Krishna e prodotto da Ram Gopal Varma. Con Naga Chaitanya e Amala Paul.

The Lodger - Nitin Sawhney

Sabato sera a Londra è stato proiettato in prima mondiale The lodger (Il pensionante) di Hitchcock in versione restaurata. La nuova colonna sonora, firmata da Nitin Sawhney, è stata eseguita dal vivo dalla London Symphony Orchestra nel corso dello stesso evento (clicca qui). Da oggi è in vendita il CD, e potete acquistarlo qui (o, se preferite, potete scaricare i brani). Trailer della versione restaurata di The lodger.

Rajeev Chudasma: India's best film poster designer

Grazie a questa intervista pubblicata ieri da Long Live Cinema abbiamo finalmente scoperto l'artefice delle nostre locandine preferite: si tratta del geniale designer Rajeev Chudasma. Grandissimo! Pubblichiamo di seguito alcuni suoi lavori.











Ek Tha Tiger: Banjaara e sito ufficiale

Poco fa è stato presentato in Twitter il video del brano Banjaara incluso nella colonna sonora di Ek Tha Tiger composta da Sohail Sen (escluso il brano Mashallah, che è firmato da Sajid-Wajid). Vi segnaliamo anche il sito ufficiale del film.

22 luglio 2012

Shah Rukh Khan: Style luglio 2012

Inutile negarlo: il Re ci fa sempre battere il cuore. Ecco Shah Rukh Khan più fascinoso che mai sulla copertina di Style, supplemento al numero di luglio 2012 di Stardust.