11 giugno 2012

Rakeysh Omprakash Mehra agli IIFA Awards 2012

Il regista Rakeysh Omprakash Mehra ha concesso un'intervista video a Faridoon Shahryar di Bollywood Hungama, nella quale presenta diffusamente il suo nuovo film, Bhaag Milkha Bhaag, biografia sportiva interpretata da Farhan Akhtar. BMB dovrebbe essere distribuito a metà dell'anno prossimo. Faridoon, nel suo blog, ha anche postato la trascrizione dell'intervista. (Vi ricordiamo che BMB includerà alcune sequenze girate a Roma).

Throwing the book at the movies

Metropoli d'Asia ha segnalato un articolo pubblicato oggi da Postnoon e dedicato all'influenza della letteratura sul cinema indiano, principalmente in lingua bengali, hindi e tamil.

Newcomers aren't bad investment in Bollywood

Vi segnaliamo un articolo pubblicato oggi da Filmi Café dedicato ai nuovi volti del cinema hindi. Non è più così rischioso investire su giovani attori di scarsa o nessuna esperienza. Lo testimoniano gli incassi di Ishaqzaade e di Vicky Donor. Al riguardo, Dibakar Banerjee ha dichiarato: 'Until and unless you step out of your comfort zone and try something new, no new grounds will be broken, no new films will be launched, no new stars will be discovered, people won’t get to see new stories and our industry will not be injected with new blood. And when you don’t do that, you keep shrinking. When you do that, you keep expanding'.

The ten best political thrillers of Bollywood

Sarkar
In occasione della distribuzione, venerdì scorso, di Shanghai, Rediff stila la classifica delle dieci migliori pellicole bollywoodiane di argomento politico, fra cui sono incluse Raajneeti, Gulaal, Firaaq e Sarkar.

Where luxury is the first resort

Hindustan Times oggi ha pubblicato un lungo interessante articolo dedicato ad uno degli hotel più lussuosi del mondo: il Villa d'Este sul lago di Como. L'autore ne approfitta per delineare le differenze fra l'ospitalità alberghiera orientale e occidentale. Leggiamo: '(...) there is a Western tradition that we never seem to have reproduced in Asia: the grand hotel in a resort. (...) These hotels were not designed for businessmen travelling on work. The idea was to offer a resort experience for people who wanted a scenic holiday for a week or two (...). I have never worked out why, but there have never been many such hotels in Asia. Even in India, where the Raj left behind such great properties as Calcutta's The Grand, Madras's Connemara and Bangalore's West End, resort hotels were always slightly second-rate. When people went on holiday, they preferred to stay at clubs or in bungalows. There were few memorable hotels at Indian hill stations (the Savoy in Ooty, perhaps, is an exception) and in any case, most of them are now rundown. The closest we have come to capturing the grand hotel-in-a-holiday-area is in our conversions of palaces. The Lake Palace in Udaipur must be one of the most beautiful hotels in the world and Umaid Bhavan is an extraordinary jazz-age palace that makes for an unusual hotel'.

Le prime del 15 giugno: Ferrari Ki Sawaari

Ferrari Ki Sawaari è il nuovo film prodotto da Vidhu Vinod Chopra, una commedia a tema sportivo-familiare interpretata da Sharman Joshi e da Boman Irani, affiancati, naturalmente, da una fiammante Ferrari. Il titolo significa infatti 'un giro in una Ferrari'. Vidya Balan si offre nell'item song Mala Jau De. FKS è diretto da Rajesh Mapuskar, aiuto regista in Lage Raho Munna Bhai e 3 idiots. I dialoghi sono redatti da Rajkumar Hirani. La colonna sonora è composta da Pritam. Un assaggio nel brano Maara Re. Sito ufficiale e trailer sottotitolato in inglese.

Asli Naqli : Recensione


[Blog] Recensione di Asli Naqli (1962), di Hrishikesh Mukherjee, con Dev Anand e Sadhana.

I want to live: the story of Madhubala - Khatija Akbar

Vi segnaliamo un'originale iniziativa intrapresa da Long Live Cinema: celebrare il centenario del cinema indiano attraverso l'analisi dei migliori libri dedicati negli anni all'argomento. Si parte con I want to live: the story of Madhubala (2011), di Khatija Akbar, edito da Hay House. L'autore del pezzo scrive: 'The importance of this book lies in the fact that Madhubala was a recluse so to collect information about her has been a task of dogged perseverance, but it has immortalized Madhubala among the heart of cinema fans for all times to come.  The icing on the cake was the interview that Khatija Akbar could cull out from Dilip Kumar about Madhubala, who had given her only time of 10 minutes to speak about Madhubala but the interview went on for more than 45 minutes'. Vi segnaliamo anche la recensione del volume pubblicata da Hindustan Times il 23 maggio 2011.

Pritish Nandy: Why I love Mumbai

Pritish Nandy, poeta, pittore, giornalista, celebrità televisiva e altro ancora, pubblica oggi sulle colonne di The Times of India un ironico articolo dedicato all'amata/odiata Mumbai. Da leggere d'un fiato. Un assaggio: 'Never look closely at your bill in a 5 star restaurant. You may get a cardiac arrest seeing the taxes and duties slapped on. And, when you recover, you will get another one seeing the hospital bill'.

Kalki Koechlin: These boots are meant for walkin'

The Times of India ha segnalato una vecchia piacevolissima intervista concessa da Kalki Koechlin e pubblicata il 25 novembre 2011. Esilaranti le dichiarazioni relative ad un certo Rajinikanth: ''But being a Rajinikanth fan, Kalki confesses she’d blindly sign a film opposite him. "I’ve grown up watching his films and even if you know it’s wrong in every way, you still like it. I’d do pretty much anything with Rajinikanth, except a porn film," she laughs'.

Liv Ullmann at IIFA, Singapore

Sabato sera a Singapore, nel corso della cerimonia di conferimento degli IIFA Awards per la produzione cinematografica del 2011, Shabana Azmi ha consegnato un premio a Liv Ullmann per la sua carriera nel cinema internazionale. Vi segnaliamo una breve intervista video concessa da Liv a Faridoon Shahryar per Bollywood Hungama.

Irrfan Khan in un film italiano !!!

Sembra confermato!!! Il grandissimo Irrfan Khan interpreterà un film tratto dal saggio Il banchiere dei poveri di Muhammad Yunus, premio Nobel per la pace nel 2006. La pellicola è diretta dal regista Marco Amenta (La siciliana ribelle), ed è una coproduzione fra Italia (Eurofilm), Francia, Germania e India. La sceneggiatura è redatta da Massimo Gaudioso (Gomorra), Sergio Donati (C'era una volta il West) e Marco Amenta. Area del sito ufficiale di Eurofilm dedicata all'annuncio. The Times of India oggi rivela in questo articolo: 'Irrfan confirmed the news and said, "I have been in talks for that film for a long time. I have already given my consent." However, he did not divulge any further details for contractual reasons. A friend of the actor said, "The challenge here is to recreate a living character of such distinguished achievement. Irrfan will meet Muhammd Yunus and spend as much time with him as possible. When he played Paan Singh Tomar, he relied on his imagination. But playing Prof. Yunus is a far bigger challenge since he is a much revered living personality. Irrfan will take a few months to get into the character".' Conoscete un modo migliore per rallegrare un piovoso lunedì?