9 maggio 2012

The secret to write a bestseller in India

Vi segnaliamo l'articolo The secret to write a bestseller in India pubblicato ieri da BBC. L'India è attualmente il terzo mercato al mondo per l'editoria in lingua inglese, dopo gli Stati Uniti e il Regno Unito, ma gli osservatori ritengono che scalzerà presto gli avversari per posizionarsi trionfalmente in vetta. La classe media indiana si espande a vista d'occhio, e l'inglese è ormai la sua lingua ufficiale. Molteplici case editrici straniere stanno dunque inaugurando filiali nel subcontinente, ma devono tener conto della peculiarità demografica del Paese rispetto ai rivali: un terzo della popolazione è sotto i 30 anni. Cosa legge la gioventù urbana indiana? Jeffrey Archer è l'autore straniero più apprezzato, tanto che i suoi nuovi lavori vengono pubblicati prima nel subcontinente che altrove, e le sue visite in India sono un successo clamoroso. Ecco come lo scrittore spiega il fenomeno: 'The Indian race is an aspiring race, and my books so often are about someone coming from nowhere and achieving something, which is what every Indian believes will happen to them - and that's a wonderful thing'. L'autore indiano più venduto è ovviamente Chetan Bhagat, i cui romanzi sono scritti in un inglese facilmente accessibile, a differenza della lingua aulica adottata da Salman Rushdie o da Arundhati Roy, nomi celebri all'estero ma poco commerciabili nel loro Paese d'origine.