13 agosto 2019

Romeo Akbar Walter: recensione

[Blog] Romeo Akbar Walter non è privo di pregi. Il soggetto è interessante perchè correlato alla nascita del Bangladesh, evento toccato di rado nel cinema indiano, e perchè mostra in modo abbastanza realistico la vita quotidiana di una spia. Se la saga di Bond è iper patinata e piena di glamour, RAW sceglie di raccontarci la verità: il mestiere di spia non è affatto eccitante, bensì estremamente tedioso; se non ti ammazza il controspionaggio, ti ammazza la noia. In RAW l'eroe che si sacrifica per l'India è un musulmano: visti i tempi, fattore da non sottovalutare. I personaggi pachistani sono piuttosto ben scritti, e questa sì che è una novità epocale. L'ambientazione dei primi anni settanta del secolo scorso è ricreata in modo lodevole. La fotografia è plumbea, e predilige i toni del grigio, del marrone, del verde cupo.

Mukund Subramanian vince al Cinemadamare 2019

Il cortometraggio Protagonista, diretto da Mukund Subramanian, vince i premi per il miglior film e per la migliore sceneggiatura al Cinemadamare 2019. Il corto verrà proiettato a Venezia il prossimo settembre, in occasione di un evento speciale collaterale alla Mostra del Cinema.