30 giugno 2013

Sonam Kapoor: Cine Blitz luglio 2013

Sonam Kapoor ha due ottime ragioni per sorridere: Raanjhanaa, distribuito il 21 giugno scorso, sta incassando alla grande; e il 12 luglio verrà distribuito Bhaag Milkha Bhaag, uno dei film più attesi dell'anno. Il numero di luglio 2013 di Cine Blitz dedica la copertina alla giovane attrice indiana.

Bhaag Milkha Bhaag: nuova locandina, nuovo trailer e O Rangrez

Per il prossimo 12 luglio non prendete impegni: viene finalmente distribuito nelle sale indiane l'ultimo lavoro di Rakeysh Omprakash Mehra, la biografia sportiva Bhaag Milkha Bhaag. Vi segnaliamo la nuova locandina, il nuovo trailer e il video del brano O Rangrez, incluso nella colonna sonora del film composta da Shankar-Ehsaan-Loy.

Ranbir Kapoor: India Today 1 luglio 2013

La copertina del numero del primo luglio 2013 di India Today è dedicata al fenomenale Ranbir Kapoor. Vi segnaliamo l'editoriale, la cover story e l'articolo che ripercorre la filmografia dell'attore. Vi offriamo anche alcune belle immagini pubblicate dal periodico. Ranbir, dopo il successo stellare di Yeh Jawaani Hai Deewani (ancora si contano gli incassi, ma YJHD dovrebbe posizionarsi alle spalle del solo 3 idiots), è in corsa per il titolo della più giovane superstar del cinema hindi popolare contemporaneo. D'altro canto, buon sangue non mente...
 
 
 
 

Bajatey Raho: locandina e trailer

Il trailer sembra davvero divertente. Bajatey Raho è la commedia diretta da Shashant A. Shah e interpretata da Vinay Pathak, Ranvir Shorey e Tusshar Kapoor. La distribuzione è prevista per il 26 luglio 2013. Vi offriamo anche la locandina del film.

Sonakshi Sinha: Filmfare 3 luglio 2013

La copertina del numero del 3 luglio 2013 di Filmfare è dedicata a Sonakshi Sinha. Venerdì verrà distribuito il suo ultimo film, Lootera, che ci offrirà una performance intensa e drammatica dell'attrice. Intanto già piovono in Twitter i commenti entusiastici dei fortunati che hanno assistito alla proiezione in anteprima di Lootera.

Zinda Bhaag: locandina e trailer

Vi presentiamo la locandina e il trailer della pellicola pachistana Zinda Bhaag interpretata da Naseeruddin Shah. Dirigono Meenu Gaur e Farjad Nabi. La vicenda narrata nel film tratta il tema dell'immigrazione clandestina. La distribuzione è prevista per agosto.

Aishwarya Rai: Longines Royal Ascot photo session

Vi offriamo un'immagine promozionale diffusa da Longines in occasione dell'evento celebrato ad Ascot dal 18 al 22 giugno 2013. Testimonial: Aishwarya Rai.

Kangna Ranaut: Stardust luglio 2013

La copertina del numero di luglio 2013 di Stardust è dedicata a Kangna Ranaut.

India magnifica - Splendori di corte

A Palazzo Isimbardi, in corso Monforte 35 a Milano, dal 6 al 17 luglio 2013 verrà allestita la mostra India magnifica - Splendori di corte, che illustrerà l'evoluzione, dal XVIII secolo ad oggi, degli abiti e dei costumi provenienti da un'area di importanza storica dell'attuale Uttar Pradesh. L'inaugurazione si terrà il 5 luglio alle ore 18.30. Presenzierà l'indologa Marilia Albanese. Orari: da lunedì a venerdì 10.30-12.30 e 16.00-19.00; sabato e domenica 11.00-18.00. Ringraziamo Nand Kumar per la segnalazione.

India - La terra dell'amore

L'Indian Association of North Italy, in collaborazione con la Provincia di Milano, presenta il musical India - La terra dell'amore, interamente prodotto in Italia. Ieri sera il primo spettacolo a Milano, con replica il 6 luglio 2013 alle ore 20.30 a Rivoli (Torino) al Teatro Don Bosco. Ringraziamo Nand Kumar per la segnalazione (e ci scusiamo per il ritardo).

Bollywood - La più grande storia d'amore

E' confermato. Mercoledì prossimo 3 luglio 2013 arriva nei negozi il dvd Bollywood - La più grande storia d'amore, edizione italiana curata da Feltrinelli Real Cinema del pirotecnico documentario del 2011 Bollywood - The greatest love story ever told, diretto da Rakeysh Omprakash Mehra e Jeff Zimbalist, e prodotto da Shekhar Kapur in collaborazione con UTV Motion Pictures. Il documentario è spettacolare, irrinunciabile e, per citare la nostra Diana, 'in casa, necessario come i caloriferi', #parolesante. Il film era stato presentato nel 2011 fuori concorso a Cannes. Ma non finisce qui: allegato al dvd è previsto un volume dal titolo Made in India. Buona visione e buona lettura! Trailer. Video dedicato al documentario. Articolo del Corriere della Sera pubblicato il 16 maggio 2011. (Gustosa coincidenza: Shekhar Kapur è in questi giorni in vacanza a Roma).

Le prime del 5 luglio: Lootera

Lootera è il nuovo lavoro di Vikramaditya Motwane, regista del magnifico Udaan. Nel cast Ranveer Singh e Sonakshi Sinha. La colonna sonora è composta da Amit Trivedi. Vi proponiamo i video dei brani Sawaar Loon, Ankahee e Shikayatein. Producono Ekta Kapoor e Anurag Kashyap. Ecco il fascinoso trailer.

Le prime del 5 luglio: Policegiri

I problemi di Sanjay Dutt con la giustizia sono ben noti. La star attualmente sta scontando la sua pena in carcere, e dunque non partecipa alla promozione di Policegiri, divertente action movie diretto da K.S. Ravikumar (Dasavatharam e Manmadhan Ambu), celebre regista tamil al suo debutto a Bollywood. Nel cast anche Prakash Raj, Prachi Desai, Rajpal Yadav e Om Puri. Vi offriamo il trailer e il coloratissimo video del brano Banda Good Hai.

Box office: 21/27 giugno 2013

1 - Raanjhanaa (distribuito il 21.06); 2 Fukrey (14.06); 3 - Yeh Jawaani Hai Deewani (31.05). Bollywood Hungama

Le prime del 28 giugno: Ghanchakkar

Vidya Balan e Emraan Hashmi - l'esplosiva coppia di The dirty picture - tornano a deliziarci in Ghanchakkar, commedia girata dal serissimo Raj Kumar Gupta (No one killed Jessica). La colonna sonora è firmata da Amit Trivedi. Vi proponiamo i video dei brani Lazy lad e Allah Meherbaan. Produce UTV Motion Pictures. Nel trailer notare l'abbigliamento di Emraan (ma anche Vidya non scherza). Vi offriamo inoltre l'intervista concessa da Vidya a Reuters e segnalata da The Indian Express, nonchè due locandine del film.
 
 

Raanjhanaa: recensioni

The Times of India, *** 1/2: 'Raanjhanaa is a love story that has a Shakespearean touch and is mounted on a lavish scale. Set in Benaras, in a sense, the heart of India, the first half in the vibrant city where the Ganges flows, just sweeps you off your feet with its colour and feel. (...) All of a sudden, Raanjhanaa seems like two different films. In the first half, it is an interesting, intense, introspective love story, where you empathise with the characters. In the second half, the love story gets diluted to make way for gobbledygook political ideology that is an irritant. Director Aanand Rai should be credited for drawing a superlative performance from the National Award-winner Tamil superstar, Dhanush, who makes his Hindi cinema debut here. (...) Sonam Kapoor is in top form giving Zoya several shades from giggly to grey'.
Hindustan Times, *** 1/2: 'After the first 10 minutes, I was utterly bowled over by Dhanush’s energy and charm. He’s outstanding. (...) But for the first half, it’s also superbly entertaining. (...) The dialogues by Himanshu Sharma are the highlight of the film. The lines are pithy, earthy and wonderfully funny. Snaking his camera through the streets of Benares, director Aanand L Rai creates an intimate and lived milieu. AR Rahman’s music, especially the gorgeous Tum Tak, layers the narrative further. This love story is fantastical but these are characters we could know. Their emotions move us. (...) Rai hits a false note as soon as the story shifts to Zoya’s romance with her college friend, Akram, played by Abhay Deol. And post-interval, when we leave Benares for New Delhi, the film derails considerably. The actors still move us — including Sonam who looks effortlessly beautiful and gives her career’s best performance — but the plot becomes more and more convoluted. You are neither immersed in the film nor removed from it. (...) Unfortunately, Raanjhanaa never fully gets back on track. But despite these flaws, I’m recommending that you see it. Especially for Dhanush who proves that eventually looks don’t matter. Neither does size. All that towers is talent'.

Shah Rukh Khan: You & I

Vi segnaliamo la copertina della rivista You & I dedicata ad un sorridente Shah Rukh Khan, in compagnia del celebre fotografo Dabboo Ratnani.

Le prime del 21 giugno: Raanjhanaa

E così Dhanush, la stella del cinema in lingua tamil, debutta finalmente a Bollywood nel film Raanjhanaa (Tehelka pubblica un interessantissimo profilo dell'attore). Lo affiancano sul set Sonam Kapoor e Abhay Deol. Dirige Aanand L. Rai, dopo il successo di Tanu Weds Manu. La colonna sonora è firmata da A.R. Rahman. Un assaggio nei brani Tum Tak, Raanjhanaa, Tu Mun Shudi (nel quale presta la voce lo stesso Rahman), Baranasiya e Nazar Laaye. Le note ai filmati includono i testi hindi delle canzoni. Trailer.

Fukrey: recensioni

The Times of India, *** 1/2: 'Mrighdeep (Singh Lamba) infuses comedy throughout, subtle and fresh. The humour is finely spun in the writing and dialogues (Mrighdeep, Vipul Vig). There's levity in the language and some hilarious moments. The first-half is slow-paced, but it rips riot soon. The story has newness, but at times it lacks the chaotic craziness that such a comic premise can unfold. Yet, the laughs are many to keep you entertained. So what the 'fuk-rey', go, crack up on your seats'.
Hindustan Times, ***: 'Director Mrighdeep Singh Lamba gives us a theatre of the absurd set in East Delhi. The characters and actors are a perfect match. (...) But the problem with Fukrey is that the characters and milieu are more engaging than the plot, which gets more far-fetched as it thickens. By the time we get to a rave party and drugs, the outrageousness of the story becomes exhausting. By the climax, the writing becomes slack. (...) But there is enough pep in Fukrey to make it pleasantly diverting. I’m not suggesting that you drop everything and get to the theatre. But if you happen to stroll in, you are likely to come out smiling'.

Ankur Arora murder case: recensioni

The Times of India, *** 1/2: '(Suhail) Tatari is a winner in his choice of a subject. The story that has been researched from a true life incident does provide meaningful insights about the medical fraternity and facilities. However while the film is an eye-opener on medical skullduggery, it fails to become cutting edge cinema because the screenplay offers few surprises. And, a title that is a dead give away. Also for a dramatic film of this nature, the performances are so placid, they leave you cold. The drama that unfolds between the hospital and the court room should have definitely had more spunk and twists'.